LIBIA. CAMPANELLA: NON DIA COPERTURA AD ATTI PIRATERIA.

(DIRE) Roma, 30 set. – “Decidendo di dare supporto alla guardia costiera libica il governo Italiano si e’ assunto una responsabilita’ tanto grande quanto di difficile esercizio”. Cosi’ il Senatore Francesco Campanella commenta la notizia delle minacce ricevute da parte della Guardia Costiera libica dalla ONG tedesca Mission Lifeline, la cui nave e’ stata attaccata a colpi di arma da fuoco a 19 miglia dalla costa libica, dunque in acque internazionali, con l’intento di farsi consegnare le 52 persone appena salvate. “Attaccare navi straniere in acque Internazionali e’ un atto illegittimo. Il comportamento della Guardia Costiera libica, che gia’ aveva attaccato le navi di altre ONG, mette a rischio la vita di tutti, migranti ed equipaggi”, prosegue Campanella. “Il governo si accerti che le navi militari libiche si comportino in modo irreprensibile. Non mi piacerebbe che qualcuno pensasse che il nostro paese dia indirettamente supporto a forme di pirateria”, conclude il Senatore. “Presenteremo una interrogazione in merito”.

Visite totali:9
Print Friendly, PDF & Email