LAVORO. CAMUSSO: NON C’È VALORIZZAZIONE IN SMART WORKING PER EMERGENZA.

“CON PANDEMIA SI È FRANTUMATA FILOSOFIA SUL PRIVATO MEGLIO DEL PUBBLICO” (DIRE) Bari, 21 mag. “La stagione che abbiamo davanti e’ una stagione che ci ripropone esattamente alcuni dei temi rispetto ai quali si era accanito il Jobs act, ovvero il controllo a distanza e il demansionamento, perche’ una interpretazione del lavoro agile come modalita’ per affrontare l’emergenza e’ una forma di marginalizzazione invece che di valorizzazione del lavoro”. Lo ha detto Susanna Camusso, ex segretaria generale della Cgil, intervenendo all’incontro organizzato dall’associazione barese La Giusta Causa dedicato al cinquantenario dall’entrata in vigore dello Statuto dei Lavoratori. “Se si guarda il nuovo decreto e l’articolo sul lavoro agile ci sono due cose che – ha rimarcato la sindacalista – urlano vendetta. Nelle prime due righe c’e’ scritto che il lavoratore ha diritto senza accordo a chiedere lo smart working, il lavoro agile. Cosi’ si afferma che lo si puo’ fare senza avere nessuna delle tutele, pur parziali, che la legge del 2017 prevede; la seconda cosa e’ che il lavoro agile e’ uno strumento di conciliazione per chi ha figli fino a 16 anni per tutta la durata della chiusura delle scuole. Inventiamo una dizione come quella del lavoro agile quale politica di conciliazione – ha sottolineato – e quindi, per l’ennesima volta, delle donne che conciliano loro stesse”. La sfida per Camusso e’ “non avere paura”, cosa che invece “ha molto caratterizzato soprattutto la sinistra in questi anni. Paura di dire che ci sono nodi che vanno sciolti senza pensare ai giudizi”. “La pandemia – ha riflettuto – ci ha detto che tutta la filosofia sul privato meglio del pubblico si frantuma di fronte al tema del bisogno di prendere in carico le persone e dare risposte; si frantuma nel momento in cui ci sono necessita’ essenziali per le persone e per il popolo che sono infinitamente superiori a quelle del profitto e del mercato. Il ritorno a un sistema pubblico – ha concluso Camusso – e’ uno dei fattori fondamentali per ridurre le diseguaglianze”.

Agenzia DiRE  www.dire.it

Visite totali:87
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche...