“La verità sulla denuncia-querela di Roccasecca: la Consulta dell’Ambiente esce dal Coordinamento Emergenza Rifiuti Lazio”.

discarica CerretoA seguito di richieste di delucidazioni in merito alla denuncia-querela presentata “a sorpresa” da alcuni membri del Coordinamento Emergenza Rifiuti Lazio sulla vicenda del V° bacino – discarica Cerreto di Roccasecca (FR), la Consulta dell’Ambiente, già membro del Coordinamento, comunica la sua estraneità a tutte le iniziative a nome del suddetto gruppo di associazioni e comitati e la sua immediata uscita, a causa di azioni non concordate con tutti i membri.

«Il giorno 24 Dicembre 2015 venimmo a sapere – commenta Alessandro Barbieri– che a presentare la denuncia-querela alla Procura della Repubblica nei confronti di persone da individuare non fu il coordinamento (come si legge dall’articolo di giornale locale), bensì le associazioni “Basta Eternit – Fibra Killer” e “Contrasto” il giorno 18 Dicembre 2015. Chiesti i chiarimenti sul gruppo Facebook: senza risultato. Solo censure. Le domande sorgono, quindi, spontanee: Perchè non condividere questa importante azione con tutte le associazioni e comitati del territorio che da anni si prodigano contro questi criminali ambientali? Perchè ad ogni mio post sul Gruppo Facebook ci viene fatta “censura” sistematica? Perchè escluderci dagli amministratori del Gruppo? Domande rivolte direttamente ai presidenti delle suddette associazioni: Danilo Chiappini e Fabrizio Di Cioccio. (se mai le avremo..)

La Consulta dell’Ambiente di Piedimonte San Germano continuerà la sua battaglia secondo la strategia messa in campo qualche anno fa “con o senza un coordinamento”, per la tutela dell’ambiente e della salute pubblica.

Visite: 56