La Madonna della Cercia.

Poesia di Alessio Di Sora

Madonna della Cercia, la scurdata!
Da tiempe che neciune ‘cchiù te pensa;
sola, ‘miese alle fore, abbandunata,
‘ncante a ‘na uia che s’è fatta sorda.
Se cachedune passa pe’ ssa via,
nen se recorda ‘cchiù de farse croce;
i chi se mette addì c’aumaria,
la dice ammauglienne, senza voce!
Ma che te ‘mporta a ti de chi ‘nte penza?
Tu ‘nsiè ‘abbesogna de purtà glie mante!
siè Madonna della pora gente,
ca sole de ‘sse nome sè cuntenta.

di  Alessio Di Sora

Visite: 86