Iran, Difesa: “Nessun militare italiano coinvolto a Erbil”.

“I mezzi e le infrastrutture in uso al contingente militare italiano non hanno subito danni”, dice lo Stato maggiore della Difesa.

“In merito all’attacco avvenuto nella notte contro la Base statunitense di Erbil si conferma che nessun militare italiano è rimasto coinvolto e i mezzi e le infrastrutture in uso al contingente militare italiano non hanno subito danni.

Al momento dell’attacco sono state messe in atto tutte le procedure di contingenza tese alla salvaguardia della sicurezza del contingente dislocato nell’area di Erbil”. È quanto si legge in una nota diffusa dallo Stato maggiore della Difesa.

CONTE: TUTELEREMO SOLDATI, NO A SPIRALE DI CONFLITTUALITA’

“In queste ore di tensione esprimo la mia sentita vicinanza a tutti i nostri soldati che svolgono con dedizione e professionalita’ la loro missione in Iraq e non solo. Faremo di tutto per tutelarli e per trovare soluzioni che impediscano una pericolosa spirale di conflittualita’”. Cosi’ il presidente del consiglio Giuseppe Conte.

GUERINI INFORMA CONTE: SICUREZZA SOLDATI È PRIORITÀ

“Seguiamo la situazione e le evoluzioni con la massima attenzione. La sicurezza dei nostri militari è la priorità assoluta. A loro la più stretta vicinanza, da parte mia e di tutte le Istituzioni”. Lo dice il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini, che fin da subito ha seguito con il Capo di Stato Maggiore della Difesa gli sviluppi dell’attacco missilistico in Iraq. questa notte ha contattato personalmente il Generale Fortezza, Comandante del contingente italiano in Iraq, ed ha constatato di persona lo stato della situazione sul campo.

Rassicurato sull’incolumità del personale impiegato e della messa in atto di tutte le predisposizioni di sicurezza, ha immediatamente informato il Presidente del Consiglio. Nel corso della mattina si è svolto anche un colloquio telefonico tra il Ministro Guerini e il Ministro della Difesa irachena Al Shammari, per ricevere le sue valutazioni sulla situazione in corso e sugli attacchi di questa notte. “In questo momento è indispensabile agire con moderazione e prudenza. Ogni possibile soluzione sarà affrontata insieme alla coalizione, con un approccio flessibile, anche per non vanificare gli sforzi fino ad oggi profusi”.

DI MAIO: CONDANNIAMO ATTACCO, INVITIAMO TUTTI A MODERAZIONE

“È accaduto quello che temevano. L’Iran ha risposto al raid Usa lanciando decine di missili contro le basi militari di Ayn al-Asad e di Erbil in Iraq. Entrambe ospitano personale della coalizione internazionale anti-Isis, di cui fa parte anche l’Italia. Seguiamo con particolare preoccupazione gli ultimi sviluppi e condanniamo l’attacco da parte di Teheran”. Lo dice il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. 

“Si tratta- prosegue Di Maio– di un atto grave che accresce la tensione in un contesto già critico e molto delicato. In queste ore difficili esprimo a nome del governo anche tutta la mia vicinanza ai nostri militari e li ringrazio. Purtroppo è la storia che si ripete”.

“Invitiamo entrambe le parti alla moderazione e alla responsabilità. La regione vive una instabilità da decenni, una nuova guerra spingerà la proliferazione di cellule terroristiche e di nuovi flussi migratori. Non è più accettabile tutto questo”, aggiunge.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite:234

Potrebbero interessarti anche...