INFRASTRUTTURE. GELMINI: UTILIZZARE ‘MODELLO MORANDI’, LOGICA SOSPETTO BLOCCA PAESE.

(DIRE) Roma, 3 lug. – “Negli ultimi anni e’ stata abolita la legge obiettivo, che era una norma che usava la logica del Ponte Morandi: una profonda semplificazione e la responsabilita’ in capo ai commissari. C’e’ stata un’ansia, legittima, di combattere la corruzione: ma lo si e’ fatto nel modo sbagliato”. Lo ha detto Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, intervenendo a “24 Mattino”, su Radio 24. “La corruzione non e’ stata eliminata, ma sono state bloccate tutte le grandi opere pubbliche: hanno portato il Paese all’immobilismo. Il Codice degli appalti e’ stato un’aberrazione dal punto di vista giuridico, sommare in capo all’Anac i poteri di controllo sui contratti pubblici e’ stato un errore. Non bisogna allentare l’attenzione rispetto al malaffare, ma non si puo’ nemmeno far prevalere la logica del sospetto. Il Ponte Morandi e’ stato realizzato in tempi record. Se quel modello ha funzionato perche’ non si puo’ estendere a tutte le grandi opere ferme in questo Paese?”.

Agenzia DiRE  www.dire.it

Visite: 107