INCENDI. COLDIRETTI: 15 ANNI PER RICOSTRUIRE I BOSCHI DISTRUTTI.

(DIRE) Roma, 31 ago. – Per ricostituire i boschi ridotti in cenere dal fuoco ci vorranno fino a 15 anni con danni all’ambiente, all’economia, al lavoro e al turismo. E’ quanto stima la Coldiretti sugli effetti dell’incendio divampato ad Altofonte in Sicilia ed in altre regioni della Penisola. Se certamente il divampare delle fiamme e’ favorito dal clima anomalo, a preoccupare – sottolinea la Coldiretti – e’ proprio l’azione dei piromani con il 60% degli incendi che si stima sia causato volontariamente. Nelle aree bruciate dall’incendio – continua la Coldiretti – saranno impedite anche tutte le attivita’ umane tradizionali e la scoperta del territorio da parte di appassionati ma viene anche a mancare un importante polmone verde. Un costo drammatico che l’Italia e’ costretta ad affrontare ogni anno su tutto il territorio nazionale perche’ – conclude la Coldiretti – manca l’opera di prevenzione, sorveglianza e soprattutto di educazione ambientale sul valore inestimabile di un patrimonio determinate per la biodiversita’ e per la stabilita’ idrogeologica del territorio.Dal 15 giugno, data di inizio della campagna estiva anti-incendi boschivi, ad oggi sono state piu’ di 600 le richieste trasmesse dalle regioni al Centro Operativo Aereo Unificato (Coau) del Dipartimento della Protezione civile per chiedere l’intervento dei mezzi della flotta aerea dello Stato a supporto delle operazioni di spegnimento delle fiamme svolte dalle squadre a terra e dai velivoli antincendio locali, secondo l’elaborazione della Coldiretti. 

Agenzia DiRE  www.dire.it

Visite: 105