In Libia annunciate tregua ed elezioni, l’Onu saluta l”accordo’.

di Vincenzo Giardina

A rendere nota quella che le Nazioni Unite hanno definito “un’intesa” sono stati il primo ministro tripolino Fayez Al-Serraj e il presidente del parlamento con sede a Tobruk, Aguila Saleh.

 Cessate il fuoco ed elezioni: e’ l’impegno annunciato oggi dalle parti in lotta in Libia, con due comunicati differenti, gia’ seguiti da una reazione positiva dell’Onu.
A rendere nota quella che le Nazioni Unite hanno definito “un’intesa” sono stati il primo ministro tripolino Fayez Al-Serraj e il presidente del parlamento con sede a Tobruk, Aguila Saleh.

Secondo Stephanie Williams, inviata speciale del segretario generale dell’Onu per la Libia, le due dichiarazioni “dimostrano coraggio” e “creano speranza per una soluzione politica di pace alla lunga crisi” nel Paese. Secondo la dirigente, “Al-Serraj e Saleh chiedono una tregua nella speranza che la questione sia affrontata rapidamente dalla Commissione militare 5+5 con la partenza di tutte le forze straniere e dei mercenari dal territorio libico”. Il riferimento e’ a un organismo congiunto, formato da cinque ufficiali militari delle due parti in conflitto, che avevano tenuto una prima riunione a gennaio. Al-Serraj guida il governo riconosciuto dall’Onu e sostenuto nell’ultimo anno, anche su un piano militare, dalla Turchia. Saleh ricopre la carica piu’ alta nel parlamento appoggiato da Khalifa Haftar, generale alleato di Egitto e Russia, che controlla la Cirenaica e l’est della Libia.

Nella nota diffusa a Tripoli, Al-Serraj ha evidenziato che la tregua implica una smilitarizzazione della citta’ di Sirte e della regione centrale di Jufra e la stipula di intese tra le forze di polizia delle due parti. Il primo ministro ha anche indicato l’obiettivo della ripresa della produzione e delle esportazioni di petrolio, che dovranno essere gestite dalla National Oil Corporation (Noc) sulla base di un principio di equa suddivisione dei proventi definito a inizio anno in occasione della Conferenza di Berlino. Rispetto alle elezioni, ha riferito il quotidiano Libya Observer, come orizzonte temporale e’ stato indicato quello del prossimo marzo.

Agenzia DiRE  www.dire.it

Visite: 147