Il Treno del Papa L’ultimo viaggio del Treno di Pio IX fra passato e futuro.

La storia e le vicende che portarono alla nascita della prima ferrovia Pontificia nel Lazio nel 1856, da Roma a Frascati, con la sua successiva prosecuzione fino a Ceprano, confine dello Stato Pontificio, passando per Velletri nel 1863, rappresentano uno degli avvenimenti più importanti nella nascita e lo sviluppo delle moderne infrastrutture di trasporto in Italia.
Nel tumultuoso quadro Politico, Storico ed Economico dell’epoca, a cavallo fra la fine dei regni  italici e la nascita dell’Italia unita, la stazione di Velletri ed il suo posizionamento strategico per i collegamenti con il Sud rappresentano elementi di studio e riscoperta di grande Interesse. In tale contesto, un evento di particolare interesse storico e‘ il viaggio di Papa Pio IX nel 1863 a bordo del Treno Papale, un convoglio unico al mondo nel suo genere, con la prima Chiesa su ruote mai realizzata. Questo fu l’ultimo viaggio ufficiale del Papa e vide, nella appena inaugurata Stazione di Velletri, un momento importantissimo di comunicazione e partecipazione popolare.

Grazie al supporto organizzativo dellaAssociazione Velletri 2030 ed al patrocinio del Comune di Velletri, sabato 21 settembre, alle ore 16.30, presso la Sala Tersicore del Municipio di Velletri, verrà presentata la storia del Convoglio Papale, il suo ultimo viaggio nel 1863 e le ripercussioni politiche ed economiche che ne seguirono. Il relatore, Costantino Jadecola, ha raccolto questa storia nel suo recente libro in una veste inedita e ricca di spunti: Il treno del Papa: l’ultimo viaggio del treno pontificio, Frosinone 1863, edito dalla Associazione Apassiferrati. La manifestazione sarà introdotta da una descrizione della Campagna romana nei Dipinti dell’inizio dell‘800 da parte dello studioso e collezionista Renato Mammucari, e sarà seguita da una presentazione sulla realtà odierna ed il futuro delle infrastrutture nel territorio veliterno a cura di Stefano Cortina, consigliere dell’Associazione Velletri 2030. L’Assessore alle Politiche Culturali della Città di Velletri, Romina Trenta, coordinerà il dibattito finale e

trarrà le conclusioni.

L‘Associazione Culturale Velletri 2030, nata nel marzo 2013, è costituita da cittadini veliterni che si sono riuniti spontaneamente, fuori da ogni confessione partitica, religiosa e culturale, per costituire quello che in lingua anglosassone si chiama un “think tank“, avente lo scopo di elaborare proposte per costruire possibili cammini per un futuro della città di Velletri.
Partendo dalla consapevolezza che il futuro non potrà mai essere una copia del passato, in particolare in questa epoca, Velletri 2030 vuole essere uno strumento di elaborazione e analisi di idee possibili, una cerniera tra la popolazione e le Amministrazioni della città, in grado di raccogliere le esigenze e stimolare gli amministratori.
L’Associazione Apassiferrati nasce nel dicembre 2014 con lo scopo di far conoscere le eccellenze storico-culturali, economiche e turistiche della Valle del Liri e della provincia di Terra di Lavoro. L’Associazione promuove la storia del territorio e la valorizzazione del suo ricco patrimonio culturale, artistico, socio economico e paesaggistico, riservando particolare attenzione alla riscoperta e alla fruizione di linee ferroviarie di interesse storico, tecnico e ambientale e alla riscoperta delle tradizioni manifatturiere del territorio, il tutto anche in chiave di valorizzazione turistica.
Nel settembre 2017 l’Associazione ha inaugurato il Museo della Ferrovia della Valle del Liri presso il Palazzo del Comune di Arce (FR), innovativo ed accattivante esempio di presentazione di una ferrovia storica in Italia.
Il Treno del Papa
L’ultimo viaggio del Treno di Pio IX fra passato e futuro
Sabato 21 Settembre – ore 16:00 – Sala Tersicore
Associazione Velletri 2030 Associazione Apassiferrati
Morto Gregorio XVI, il successore Pio IX avviò un vasto programma di costruzione di strade
ferrate, il cui primo tratto doveva collegare Roma a Ceprano, confine dello Stato Pontificio, per
unirsi alla tratta per Napoli da realizzarsi per opera dei Borboni.
Seppure con molti ritardi, il progetto fu realizzato. L’11 Maggio 1863 Pio IX effettuò il viaggio
inaugurale con il lussuoso Treno Pontificio, primo ed unico esempio di Chiesa su rotaia,
raggiungendo Velletri, dove sostò tre giorni fra grandi onori, festeggiamenti e sontuosi
ricevimenti. L’evento e’ riccamente illustrato nel recente volume di Costantino Jadecola Il Treno del
Papa. L’ultimo viaggio del treno pontificio – Frosinone 1863.
Il seminario intende raccontare questo ultimo viaggio del Papa Pio IX a cavallo di un’epoca di
radicali cambiamenti, collocandolo, oltre che nella campagna romana, nella più ampia cornice del
tessuto storico, economico e sociale dell’epoca con particolare riferimento al territorio e alla città di
Velletri. Una relazione sarà dedicata al confronto fra le politiche infrastrutturali seguite da Pio IX e
le attuali, alla luce del mutato assetto sociale e tecnologico.
Programma:
₋ Saluti istituzionali e dei Presidenti delle Associazioni promotrici, Velletri 2030 (Sandro
Bologna) e Apassiferrati (Paolo Silvi)
₋ Velletri e la Campagna Romana nei pittori dell’800 (Renato Mammucari – collezionista)
₋ Il treno del Papa: l’alta velocità agli albori dell’Unità d’Italia (Costantino Jadecola –
Associazione Apassiferrati)
₋ Velletri oggi; sistema infrastrutturale e realtà economica (Stefano Cortina -Associazione
Velletri 2030)
₋ Dibattito e conclusioni (a cura di Romina Trenta, Assessore alle Politiche Culturali del
Comune di Velletri).
Visite totali:36
Print Friendly, PDF & Email