IL CONAPO, SINDACATO AUTONOMO VIGILI DEL FUOCO INCONTRA LA CONSULTA DEI SINDACI DEL CASSINATE PER SCONGIURARE IL DEPOTENZIAMENTO DELLA SEDE DI CASSINO.

iexIl CONAPO Sindacato Autonomo Vigili del Fuoco e la Consulta dei Sindaci dei comuni della bassa Ciociaria presieduta dal Sindaco della città di Cassino Giuseppe Golino Petrarcone, si sono riuniti oggi presso la sala consiliare del Comune di Cassino per fare il punto sui tagli al locale distaccamento dei vigili del fuoco che, come previsto dal Decreto di riordino delle piante organiche del Corpo, comporterà un depotenziamento della sede in termini di uomini e mezzi.

Il sindacato CONAPO, attraverso il rappresentante nazionale Daniele Sbarassa, il referente regionale Lazio Rossano Riglioni ed il segretario provinciale Roberto Battista, si è dichiarato «contrario a qualsiasi tipo di depotenziamento».

inGli esponenti sindacali hanno illustrato ai Sindaci, documenti alla mano, quali saranno le inevitabili conseguenze dell’attuazione del riordino in questione. Secondo il CONAPO si tratterà di una «riduzione dell’attuale personale già esiguo, considerata la moltitudine e varietà di interventi che effettua, e conseguentemente l’abolizione degli automezzi di supporto attualmente presso la sede (autogrù, autoscala ed autobotte utilizzati in casi di interventi più complessi) che dovranno necessariamente pervenire dalla lontana sede centrale del Comando Provinciale Frosinone, con tempi di risposta che supereranno di gran lunga qualsiasi criterio in materia di soccorso tecnico urgente».

«I vertici del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, a seguito anche delle ripetute contestazioni del CONAPO – spiegano i sindacalisti – si limitano a confondere le idee dei sindaci. Hanno affermato attraverso una missiva indirizzata al Sindaco Petrarcone, che sono state assegnate 10 unità in più sul territorio ciociaro, ma il ministero dell’interno ha omesso di specificare che tali unità serviranno a coprire esclusivamente la ormai cronica carenza delle sedi distaccate di Sora e Fiuggi, quindi per il CONAPO il problema resta. Viene quindi da pensare che al danno per i cittadini del cassinate segue anche la beffa».

Dal sindacato CONAPO fanno sapere che «i primi cittadini intervenuti, che rappresentano una popolazione di circa 115.000 cittadini, hanno accolto il grido di allarme del CONAPO con l’impegno ad un incisivo interessamento congiunto già nei prossimi giorni».

«Siamo pronti ad una protesta per scongiurare i tagli di personale e di automezzi al distaccamento di Cassino, ed ai sindaci abbiamo chiesto di stare al nostro fianco in questa battaglia per la sicurezza dei cittadini», fa sapere Roberto Battista del CONAPO di Frosinone.

IL RESPONSABILE PROVINCIALE

CONAPO Sindacato Autonomo

Roberto BATTISTA

Visite: 43