II PREMIO LETTERARIO INTERNAZIONALE CITTA’ DI ARCE.QUADRINI:”INIZIATIVA PRESTIGIOSA CHE VALORIZZA NOSTRO TERRITORIO ATTRAVERSO ESPERIENZE INTERNAZIONALI”.

Si è svolta, ieri, ad Arce presso il Salone del Museo “Gente di Ciociaria” la cerimonia di premiazione del “II° Premio Internazionale di letteratura Città di Arce”, alla presenza del Comitato d’onore formato da S.E.Prefetto dott.ssa Emilia Zarrilli, l’Ass.reg. Lazio On. Mauro Buschini, il Presidente della Provincia avv. Antonio Pompeo, il sindaco di Arce dott. Roberto Simonelli, il Presidente della XV Comunità Montana ing. Gianluca Quadrini, la dirigente scolastica prof.ssa Nunzia Milite, il Cavaliere Uff. O.M.R.I. Candeloro Calabro’ e il Presidente Ass. Apassiferrati ing. Paolo Silvi. A premiare a nome e per conto del Presidente Ing. Quadrini, il consigliere comunale e comunitario dr. Patrizio Di Folco. La funzione principale del Premio letterario è quella del dialogo tra i popoli attraverso la letteratura, fonte di incontro tra diverse culture, in un mondo dominato sempre più dall’indifferenza. 


L’inserimento nel panorama mondiale fortemente voluto dal presidente Massimo De Santis, ideatore del Premio, è da considerarsi foriero di novità nel delicato scacchiere della Pace tra i popoli. Il Presidente Quadrini ha tenuto particolarmente a congratularsi con il Presidente dell’Associazione Arcanum Et Fregelle, Massimo De Santis, per l’encomiabile iniziativa, con tutti i membri della commissione, ma soprattutto con tutti i partecipanti al Premio Letterario Città di Arce. 
“Sono grato agli organizzatori dell’evento perché portano avanti in modo prestigioso un’iniziativa che valorizza la tradizione legata al nostro territorio attraverso esperienze internazionali”. “Il premio rappresenta un valore che si sta consolidando nel tempo come manifestazione culturale e occasione di promozione territoriale, rafforzando sempre di più la sinergia fra i Comuni, Enti, Università, che grazie al loro impegno contribuiscono insieme all’ottima riuscita dell’evento. L’entusiasmo e lo spirito dell’unione premiano la capacità della stessa manifestazione culturale donandole la capacità di scoprire nuovi talenti e valorizzare la loro passione, la scrittura.

Encomiabile il contributo dell’Università degli Studi di Cassino e del Lazio meridionale, con il magnifico Rettore Giovanni Betta, sempre pronto a sostenere iniziative volte al bene e al prestigio della comunità oltre alla promozione delle realtà culturali delle eccellenze del nostro territorio. Il ricco ambito delle competenze culturali e professionali dell’Università di Cassino, infatti, messo a disposizione del territorio, crea quella giusta crescita e ne favorisce lo slancio”.

Ufficio stampa
Gianluca Quadrini
Presidente XV Comunità montana
Consigliere provinciale
Capogruppo FI

Visite: 47