GOVERNO. SPADAFORA RIUNISCE ASSOCIAZIONI LGBT, PRESTO ATTO D’INDIRIZZO.

A CHIGI, GOVERNO NON OSTACOLERA’ INTESE SU LEGGE ANTI-OMOFOBIA (DIRE) Roma, 25 lug. – Parte il lavoro del dipartimento Pari opportunita’ di Palazzo Chigi con la prima riunione tra il sottosegretario Vincenzo Spadafora e i rappresentanti delle associazioni Lgbt. Una presa di contatto, spiegano al termine dell’incontro alcuni partecipanti, in vista della costituzione di un tavolo permanente di confronto annunciato oggi dal sottosegretario. Spadafora ha introdotto la riunione con una premessa ‘doverosa’ nel calibrare le reciproche aspettative. Il contratto in base al quale M5s e Lega governano non prevede interventi normativi nel vasto campo in cui si dispiega la tutela dei diritti lgbt. Cio’ non toglie che il dipartimento, insieme all’Unar, non abbia un fitto programma di iniziative che si dipanera’ a partire da un atto di indirizzo, una direttiva, annunciata dallo stesso sottosegretario e volta a garantire il rispetto delle linee guida antidiscriminazione, con interventi in diversi ambiti. Il contrasto del bullismo nelle scuole, per citare un esempio, sara’ tra le priorita’.

Diverso il discorso per quanto riguarda la possibilita’ che si intervenga normativamente. I rappresentanti delle associazioni hanno ricordato sostanzialmente due ambiti: la legge contro l’omofobia e l’estensione di alcuni diritti nel campo delle unioni civili, a cominciare dai requisiti per le adozioni. “Se ci fosse un’iniziativa parlamentare, il governo interverrebbe per stroncarla?”, e’ stata la domanda al tavolo di Palazzo Chigi. A quanto apprende l’agenzia Dire il sottosegretario ha ricordato il vincolo rappresentato dal contratto. Ma ha anche assicurato che se il governo non dara’ impulso a modifiche normative, allo stesso tempo non interverra’ per mettere il bastone tra le ruote nel caso in cui si realizzassero convergenze parlamentari. Resta da verificare nelle aule se accordi fuori dalla maggioranza (prevedibile la contrarieta’ della Lega) creeranno contraccolpi sulla tenuta dell’asse con M5s. In ogni caso, riferiscono alcuni partecipanti alla riunione, il clima di questo primo incontro e’ stato piu’ che positivo. “Un buon viatico, e non era scontato considerate le premesse della vigilia”, spiegano.

Agenzia DIRE   www.dire.it

Potrebbero interessarti anche...