GOVERNO. CGIL-CISL-UIL: SERVE DISCONTINUITÀ, ORA CONFRONTO COSTRUTTIVO.

(DIRE) Roma, 4 set. – Il nuovo governo che sta nascendo deve dimostrare “discontinuita’ in particolare nelle politiche migratorie e economiche”, avviando subito un “confronto costruttivo con le parti sociali”. Lo chiedono i leader di CGIL CISL e UIL Maurizio Landini, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo, a margine della riunione delle segreterie unitarie. “Vogliamo avere un rapporto diverso, serve una discontinuita’ profonda, il governo deve aprire un confronto costruttivo”, dice Furlan. Per Maurizio Landini serve un “confronto nuovo con l’esecutivo che porti a dei miglioramenti per la vita delle persone” e bisogna “utilizzare la legge di stabilita’ perche’ l’Italia abbia un ruolo nel cambiare le politiche in Europa su austerita’ e migranti. Valuteremo cosa fara’ il nuovo governo”, promette il leader di Corso d’Italia. Per Carmelo Barbagallo le parti sociali “sono necessarie per contribuire alla ripresa economica e sociale del paese. Non siamo ne’ a sostegno ne’ all’opposizione del governo, valuteremo le proposte sulla base della nostra piattaforma: la cosa piu’ importante e’ la riforma fiscale”, avverte il sindacalista. CGIL CISL e UIL chiedono poi all’esecutivo di “chiarire la sua posizione sulla previdenza” visto che, segnalano, nella bozza di programma resa nota finora manca il capitolo pensioni.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite: 69

Potrebbero interessarti anche...