FROSINONE SCONFITTO DI MISURA

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

Frosinone-Torino 1-2

Al suo debutto in Serie A il Frosinone viene sconfitto al Matusa per 1-2 dal Torino. Prova gagliarda e generosa degli uomini di Stellone che, andati in vantaggio nei primi minuti dell’incontro, hanno retto bene il campo per 59′ ma poi complice anche un leggero calo fisico hanno permesso al Toro in 5′ di ribaltare il risultato. Il Torino ha tutto sommato meritato la vittoria anche se negli ultimissimi minuti il cuore del Frosinone ha permesso ai ciociari di sfiorare la rete del pareggio che comunque avrebbe premiato la loro generosità. Il Torino ha dimostrato, come era logico prevedere, una qualità nettamente superiore ma finchè il fiato ha retto, come già detto, il Frosinone ha ribattuto colpo su colpo e, a mio avviso, l’unica pecca che si può rimproverare alla squadra di casa è la mancanza al momento di un attaccante di peso al centro dell’area avversaria. Veniamo alla cronaca. In uno stadio esaurito e ribollente di entusiasmo, il Frosinone si schiera con Leali in porta ed in difesa da destra a sinistra, Rosi, Russo, Diakitè e Crivello: a centrocampo Paganini, Gucher, Gori e Soddimo, in avanti Dionisi e Longo. Arbitra il signor Banti di Livorno. Dopo un inizio di studio, al primo affondo il Frosinone passa in vantaggio: stupendo cross di Paganini e Soddimo in spaccata mette in rete per il primo goal in serie  A del Frosinone. Risponde subito il Torino ed all’8′ colpo di testa di  Quagliarella con bella deviazione in angolo di Leali. Al 16′ cross di Crivello e colpo di testa alto di Paganini. Al 22′ è ancora bravissimo Leali che respinge su Lopez liberato al tiro da un assist di testa di Glik. Il Torino insiste e al 27′ è Rosi che salva su un pericoloso colpo di testa di Quagliarella ed il tempo si chiude con un’ammonizione per proteste che l’arbitro riserva al granata Peres. La ripresa inizia senza cambi ed è il Torino che spinge forte sull’acceleratore con il Frosinone che chiaramente in debito di ossigeno arretra troppo. Al 6′ grande salvataggio di Diakitè su Quagliarella ma il Torino insiste ed in questo momento è padrone del campo e forse nel Frosinone sarebbe necessaria qualche forza fresca ma ciò non avviene e al 14′ su cross di Avelar gran sinistro al volo di Quagliarella che pareggia. Al 16′ nel Torino fuori Lopez per Martinez che si presenta subito due minuti dopo con un gran tiro che Leali respinge corto e con Diakitè che salva in angolo. Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina che il Toro batte corto c’è Baselli che si impossessa della sfera e dal limite conclude  con il pallone che passa tra una selva di gambe e batte Leali che purtroppo non vede partire il tiro che comunque si insacca a fil di palo. Al 22′ nel Frosinone Carlini subentra a Soddimo ed al 29′ viene ammonito Makimovic, al 31′ Matteo Ciofani sostituisce un esausto Rosi e continuando nella girandola dei cambi nel Torino Benassi lascia il posto ad Acquah, 4′ dopo Verde subentra ad un inesistente Longo e al 40′ ultimo cambio nel Torino Vives subentra a Baselli. Il Frosinone come per incanto sembra aver ripreso energie insospettate ed al 42′ dopo un’ottima percussione sulla sinistra Crivello si presenta in area ma spara alto. Il Frosinone continua ad attaccare ma non c’è altro da segnalare se non due ammonizioni tra i padroni di casa, al 44′ Dionisi e al 50′ Matteo Ciofani. Quando l’arbitro Banti fischia la fine il pubblico del Matusa saluta con un grande applauso i suoi giocatori che non si sono mai arresi e che escono a testa alta dal campo sconfitti da un avversario sicuramente superiore. Ottimo l’arbitraggio del Signor Banti che non ha sbagliato  nulla. Un’ultima annotazione riguarda quelli che sono stati secondo noi i migliori in campo nelle due squadre: tra i padroni di casa il giovanissimo Gori, Diakitè ed il portiere Leali, nel Torino Bruno Peres su tutti, Quagliarella autore del goal del pareggio ed il capitano Glik veramente insuperabile sui palloni alti.

Visite: 48