FROSINONE. INCENDIO CAPANNONE ASI. CIACCIARELLI (CAMBIAMO!): ”SERVE UNA TASK FORCE REGIONE PROVINCIA PER MONITORARE I SITI PERICOLOSI. NECESSARIO SNELLIRE LA BUROCRAZIA PER LE AZIENDE E AIUTARLE A SUPPORTARE GLI ELEVATI COSTI PER RISPETTARE LA NORMATIVA AMBIENTALE.”

“Sto seguendo con attenzione quanto accaduto nel comune capoluogo, ed i risvolti investigativi che stanno emergendo. Per scongiurare altri incendi di questo tipo, come quello di oggi al capannone dell’Asi o un’altra Mecoris, è più che mai necessario  che anche la politica faccia la sua parte. Serve una task force che veda in campo Regione e Provincia per avviare un’azione capillare sui territori di monitoraggio dei siti pericolosi. Non è più rinviabile, inoltre, un piano serio di  snellimento dell’apparato burocratico per le aziende, che  permetta finalmente  agli imprenditori di poter svolgere il loro mestiere senza essere schiavi delle carte e di una burocrazia omicida, di mettersi in regola a costi adeguati con l’ “Aua”, l’autorizzazione unica ambientale. Il nostro è un territorio martoriato sia dal punto di vista occupazionale che ambientale per questo ritengo urgentissima un’azione che abbia come stella polare l’obiettivo di  mettere  a punto un piano di sviluppo sostenibile per Frosinone e Provincia, salvaguardando l’occupazione e rispettando l’ambiente.”
Così, in una nota, il consigliere regionale del Lazio Pasquale Ciacciarelli, Cambiamo!/ Laboratorio Lazio per il Cambiamento.
Visite totali:39
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche...