EX ILVA. NEL SEGNO DI DRAGHI E BECCARIA, GUALTIERI CONVINCE I GIALLOROSSI.

APPREZZAMENTI ANCHE DALLE OPPOSIZIONI (DIRE) Roma, 5 nov. “Come ha titolato un giornale citando Draghi il governo fara’ “whatever it takes” pur di evitare un esito drammatico”. Per dare un’idea della determinazione del governo sul caso dell’ex Ilva, il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha citato l’ex presidente della Bce. L’occasione e’ offerta dall’audizione in commissione finanze della Camera sul decreto fiscale. Doveva essere la prova del fuoco per il neo-titolare del Tesoro. Si e’ risolta in una generale condivisione dell’impianto illustrato. A cominciare dal tema del momento, l’emergenza ex Ilva che sui giornali e in altre sedi vede la maggioranza fibrillare. “Gli strumenti precisi di intervento sull’Ilva devono essere valutati dal Governo”, spiega il ministro dell’economia a proposito di un eventuale intervento in manovra. C’e’ “un impegno condiviso e comune. Il governo, come hanno detto Conte e Patuanelli, e’ impegnato, ma direi che lo e’ il Paese nel suo complesso. E’ una questione che va risolta per garantire il funzionamento dell’Ilva e lo sviluppo degli investimenti e della bonifica”, assicura. L’impostazione convince tutti gli attori della maggioranza, da Leu a Fassina a Italia Viva. Ed anche la Lega, sul punto apprezza la determinazione del ministro. Nell’arena della commissione Finanze, Gualtieri mette in pratica le doti di mediatore allenate a Bruxelles, da presidente della commissione parlamentare per gli affari monetari. Mediare per trovare soluzioni, non per tirare a campare. “Uomo di elaborazione e mediazione”, come lo ha descritto Beppe Vacca, gia’ presidente della Fondazione Gramsci di cui il ministro e’ ancora garante. Un mister Wolf della politica, direbbero i cinefili. Cosi’ su un altro tema caldo, quello del carcere agli evasori, dove ha raccolto consensi trasversali. Anche questa volta in forza di una citazione apprezzata. “Le pene detentive devono riguardare sempre e solo le sentenze passate in giudicato, definitive”, dice. E cita la celebre opera di Cesare Beccaria. “Dei delitti e delle pene e’ un ambito estremamente sensibile”. 

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite: 121

Potrebbero interessarti anche...