ESTERI. SIRIA, AMNESTY ACCUSA: IN PRIGIONE MIGLIAIA DI ESECUZIONI.

Circa 13 mila persone, per la maggior parte civili sostenitori dell’opposizione, sono state uccise su ordine delle autorita’ nella prigione di Saydnaya, a nord di Damasco, tra il 2011 e il 2015: a denunciarlo Amnesty International, in un rapporto pubblicato oggi.
Secondo l’organizzazione umanitaria, che ha sede a Londra, le esecuzioni sono state autorizzate dal governo di Bashar al Assad.
Il rapporto e’ fondato su interviste condotte dai ricercatori di Amnesty a 84 persone, sia detenuti che ex guardie carcerarie e funzionari.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite totali:12