Enpaia chiude il 2019 con un avanzo di 15 milioni di euro.

La Fondazione Enpaia chiude il Bilancio 2019 portando a casa un avanzo economico di 15 milioni di euro, un calo dei costi e un aumento dei ricavi, un aumento di iscritti e contributi, un incremento delle riscossioni e una diminuzione dei crediti. Oltre ad una serie di misure messe in campo all’inizio di quest’anno per sostenere aziende e lavoratori a fronteggiare le conseguenze della crisi sanitaria Covid-19.

Il risultato netto di 15 milioni di euro (nel 2018 era di circa 2 milioni di euro), è il frutto di un mix fatto di una buona redditività del patrimonio investito, di un aumento dei ricavi e di un calo dei costi.  Nel 2019, infatti, il risultato della gestione finanziaria della Fondazione è stato molto positivo, generando un rendimento netto del 2,7%, in aumento rispetto al 2018 (era il 2,4%). Mentre il rendimento netto della componente immobiliare è stato del 2%, in crescita rispetto al 2018 (era 1,6%).

I ricavi delle gestioni evidenziano una ripresa delle performance, rispetto ai risultati registrati nell’esercizio precedente, attestando un incremento dei ricavi complessivo di 8,8 milioni di euro, pari a +4%. Mentre i costi delle gestioni evidenziano un decremento del 2% rispetto all’esercizio precedente.

Le entrate contributive hanno fatto registrare una crescita del 3,2% rispetto all’esercizio precedente confermando un trend in aumento (la crescita registrata durante l’esercizio 2018 – 2017 era del 2,3%). E anche gli iscritti segnano un aumento nel 2019 attestandosi a 38.324 (contro i 38.052 del 2018). Così come pure le aziende risultano in crescita passando da 8.300 a 8.494.

Le attività di riscossione di contributi, sanzioni ed oneri accessori, di competenza 2019, sono aumentate di 7.376.198 euro (+5,3%), passando da 139.025.949 del 2018 a 146.402.147. Mentre il credito complessivo per contributi registra una flessione dell’8% sul 2018 attestandosi a 73.034.784.

Enpaia, inoltre, per fronteggiare l’emergenza Coronavirus ha messo in campo una serie di misure a sostegno di iscritti e imprese come, ad esempio, la sospensione del versamento dei contributi per le aziende iscritte (dall’8 marzo al 30 settembre 2020 con la possibilità per le aziende di rateizzare i versamenti sospesi da ottobre in 5 rate mensili); lo stanziamento di 25 milioni di euro da destinare alla decontribuzione delle aziende iscritte; uno stanziamento di 3,8 milioni di euro a favore dei lavoratori delle aziende iscritte.

“Nonostante un 2020 iniziato in salita a causa dell’emergenza sanitaria – afferma il Presidente della Fondazione, Giorgio Piazza Enpaia guarda con fiducia al futuro sulla scorta degli ottimi risultati conseguiti nell’esercizio passato, che garantiscono la sostenibilità economica della gestione ordinaria e un solido patrimonio che assicura la copertura degli impegni previdenziali nel lungo periodo”.

“Siamo soddisfatti – afferma il Direttore Generale, Roberto Diacetti – del cambio di passo realizzato dalla Fondazione nel 2019, che trova riscontro nel bilancio consuntivo: in particolar modo dell’innalzamento dell’indice di redditività sia della componente mobiliare che immobiliare del patrimonio, ma anche della riduzione dei costi che evidenziano una gestione improntata all’efficienza coniugata con la prudenza, doverose per una cassa previdenziale come l’Enpaia”.

Press Office

pressoffice@italcommunications.it

Visite: 107

Potrebbero interessarti anche...