DL RILANCIO. GADDA: BENE RECEPIMENTO GOVERNO PROPOSTE IV SU TERZO SETTORE.

(DIRE) Roma, 10 mag. – “Apprezzabile che il Governo stia pensando di recepire le proposte di Italia Viva sul terzo settore. Nel decreto liquidita’ ho presentato diversi emendamenti e se sara’ confermato il loro inserimento nel cosiddetto Dl Rilancio non posso che esserne soddisfatta, perche’ ci interessa risolvere i problemi in modo costruttivo. Mi riferisco alle norme per fare in modo che anche gli enti del terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti, che svolgono attivita’ non in regime d’impresa, possano usufruire delle agevolazioni per il credito previste dal Dl Liquidita’, e ai contributi straordinari per la sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione. L’inserimento nel Dl rilancio sarebbe un modo per accelerare e dare subito una risposta concreta a centinaia di enti che in questa fase di emergenza sono stati fondamentali nella risposta ai bisogni delle persone”. Lo dichiara la deputata di Italia Viva Maria Chiara Gadda. “Il terzo settore svolge attivita’ di interesse generale – prosegue Gadda – grazie a sei milioni di volontari e un milione di lavoratori dalle altissime professionalita’, e questo comporta anche costi di gestione e spese vive molto amplificate in questa emergenza. Per questo e’ necessario che anche gli enti del mondo non profit possano accedere agli strumenti di sostegno, come l’accesso agevolato al credito e al Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese. Cosi’ come va ampliata la platea di soggetti a cui spetta il contributo per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale consentendo quindi anche agli enti non commerciali di poter riprendere in sicurezza la propria attivita’. Infine va data anche al terzo settore la possibilita’ di poter beneficiare del credito di imposta del 50 per cento per il 2020 per le spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro. Sarebbe poi auspicabile che il decreto confermi anche misure di sostegno a fondo perduto, per garantire la continuita’ agli enti in un momento in cui le poverta’ rischiano drammaticamente di aumentare”.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite totali:124
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche...