DL RILANCIO. BRUNETTA: OCCORRE SUBITO RICAPITALIZZARE LE NOSTRE IMPRESE.

Renato Brunetta in una foto d’archivio.L’assemblea dei deputati del PDL ha indicato, su proposta del presidente Silvio Berlusconi, Renato Brunetta come Presidente del gruppo parlamentare di Montecitorio. La scelta verrà ufficialmente formalizzata nel pomeriggio di domani, quando tutti i gruppi si riuniranno dalle ore 15.00 su convocazione del Presidente della Camera. Ne dà notizia un comunicato del pdl. ANSA/GIUSEPPE LAMI

(DIRE) Roma, 20 giu. – “Quella del professor Savona sulle garanzie dello Stato sul capitale delle imprese e non solo sui debiti appare, diciamo cosi’, piu’ una provocazione che una proposta, perche’ l’idea stessa di un “capitale di rischio garantito” suona come una palese contraddizione in termini. Purtroppo e’ esattamente quanto accadeva nell’Unione Sovietica e nei Paesi dell’Est (per non parlare di realta’ come Cina e Cuba) durante il Novecento, dove lo Stato era l’unico imprenditore (o quasi), il libero mercato era cancellato, e il dirigismo economico veniva stabilito dai burocrati statali che avevano il monopolio delle decisioni. Per fortuna, nel frattempo, rispetto al secolo breve, questi stessi Paesi qualche passo in avanti l’hanno fatto. L’Italia, invece, con queste proposte, di passi ne farebbe tanti, all’indietro. Pensavamo di non dover piu’ sentire certe idee, bocciate senza appello dalla storia. Questa crisi, purtroppo, sta fornendo tanti pretesti per rispolverarle”. Cosi’ Renato Brunetta, deputato e responsabile economico di Forza Italia, in un editoriale sul Riformista. “È del resto innegabile che il Governo, mentre tratta con l’Europa per ricevere un ragionevole bilanciamento tra prestiti a fondo perduto, nel rapporto con le imprese italiane non si e’ preoccupato di essere altrettanto ragionevole, con uno sbilanciamento macroscopico tra le due forme di aiuto, i cui effetti nefasti si faranno sentire negli anni prossimi, anche nel bilancio dello Stato. Piu’ che di garanzie pubbliche sul capitale proprio, sara’ necessario mettere a punto sistemi incisivi, semplici e trasparenti di incentivazione e contributo alla ricapitalizzazione delle imprese, destinando a tal fine una parte di quel fondo perduto che lo Stato conta di ricevere dall’Europa. Qualcosa di molto diverso dal debole, complicato e a tratti incomprensibile meccanismo che questo Governo ha inserito nel decreto Rilancio”.

Agenzia DiRE  www.dire.it

Visite: 1425

Potrebbero interessarti anche...