DL DIGNITÀ. RAMPELLI: ALTRO CHE COMPLOTTO, DA DI MAIO INADEGUATEZZA.

(DIRE) Roma, 16 lug. – “Ci risiamo, in principio fu la sindaca di Roma che mentre la Capitale galleggiava nei rifiuti scarico’ le sue responsabilita’ sul ‘complotto dei frigoriferi’. A Palazzo Chigi il mantra grillino non cambia e stavolta e’ il ministro dello Sviluppo economico che in merito al ‘Decreto Dignita” accusa di complotto la Ragioneria dello Stato, gli uffici del Mef e le lobby dei poteri forti che gli avrebbero sabotato il provvedimento. La perdita degli 8mila posti di lavoro l’anno, come indicato nella relazione tecnica sul ‘Dl Dignita”, la dice lunga sui reali benefici del decreto. Altro che matrice complottista, da Di Maio emerge grande inadeguatezza nella gestione della nazione”. È quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli vicepresidente della Camera.

Agenzia DIRE  www.dire.it

 

Potrebbero interessarti anche...