Dj morta a Messina, ritrovati resti ossei nei pressi dell’A20: potrebbero appartenere al piccolo Gioele.

di Salvo Cataldo

Sono stati individuati da uno dei volontari impegnati da giorni nelle ricerche del bimbo di 4 anni scomparso insieme alla madre, ritrovata poi morta.

PALERMO – Alcuni resti di ossa e di indumenti sono stati ritrovati nei pressi dell’autostrada A20 Messina-Palermo, poco distante dal luogo in cui il 3 agosto sono scomparsi Viviana Parisi, la dj 43enne ritrovata morta in seguito, e il figlio Gioele, di quattro anni. I resti sono stati individuati da uno dei volontari impegnati da giorni nelle ricerche del piccolo. Sul posto anche il procuratore di Patti, Angelo Cavallo.

Secondo quanto riferito da fonti investigative alla stampa, i resti ricondurrebbero “al 99%” al piccolo Gioele. Il padre si sta dirigendo sul luogo del ritrovamento per il riconoscimento degli abiti.

Agenzia DiRE  www.dire.it

Visite: 111

Potrebbero interessarti anche...