Di Battista: “Alle Europee non mi candido. La Lega deve restituire i 49 milioni”.

Ospite da Fabio Fazio a ‘Che tempo che fa’, l’ex parlamentare del M5s ha parlato di molte cose, dai migranti alla Tav passando per i 49 milioni della Lega.

Non mi candido alle Europee”. Lo dice l’ex parlamentare M5s, Alessandro Di Battista, a ‘Che tempo che fa’ su Raiuno. E aggiunge: “Sto vedendo che si può incidere al di fuori. Continuo ad amare la politica e continuo a farla fuori dal Palazzo“.

“LA LEGA DEVE RESTITUIRE I 49 MILIONI”

“Sì”, la Lega deve restituire i 49 milioni di euro, perchè questi soldi appartengono a me, a lei e agli elettori della Lega. Salvini poi non è ei quel furto, ma quei soldi appartengono alla collettività”, afferma ancora Di Battista ospite da Fazio a ‘Che tempo che fa’.

“MIGRANTI VANNO SALVATI E PORTATI A MARSIGLIA”

“Si salvano le vite. Vanno salvati. In questo momento salverei le persone e le porterei a Marsiglia. Sarà una cosa forte” e c’è bisogno “anche di un incidente diplomatico”, dice ancora Di Battista.

“È dovere di un Paese difendere i propri confini”, prosegue Di Battista. E conclude: “Non saranno i porti chiusi e il muro di Trump a fermarli perchè il muro lo butteranno giù a testate…”.

“TAV  PIÙ GROSSA SCIOCCHEZZA CHE PAESE POSSA FARE”

“Reputo che il Tav sia la più grossa sciocchezza che possa fare questo Paese. E cioè spendere 20 miliardi di euro” quando servono altre infrastrutture, dice Di Battista. Il popolo deve dire un no compatto alla Tav“.

“Il problema del Tav credo sia che qualcuno si sia già steccato qualche tangente e se non si fa dovrà restituire qualche tangente a chi l’ha pagata. Oggi la tangente si chiama consulenza”, aggiunge ancora Di Battista.

“TONINELLI MASSACRATO DAI MEDIA, C’È LA MANO DI BENETTON”

“Ogni tanto noi facciamo qualche gaffe. Penso al ministro Toninelli massacrato per avere sbagliato una foto o una consecutio…”, dice ancora l’ex parlamentare M5s. “Io sono un libero cittadino- aggiunge- e a me cambia più vita a non pagare il pedaggio autostradale… Toninelli è stato massacrato dal sistema mediatico, ma per me c’è la mano di Benetton. È la mia opinione e me ne assumo la responsabilità. Da quando ha parlato di revoca della concessione ad Autostrade è stato massacrato”.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite totali:15
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche...