CULTURA. UNGARETTI, MATTARELLA: POETA DI TRINCEA CHE ILLUMINAVA VERITÀ.

IL RICORDO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA A 50 ANNI DALLA MORTE (DIRE) Roma, 1 giu. – “Cinquant’anni fa, il 1° giugno 1970, moriva Giuseppe Ungaretti, una delle voci piu’ significative della poesia italiana del Novecento. ‘Poeta di trincea’, come egli stesso ricordava, Ungaretti prese parte come volontario alla Prima Guerra mondiale e di quella diretta e traumatica esperienza, del vivere e del morire sul fronte, rese una intensa e dolente testimonianza. Quei versi irruppero sulla scena letteraria con uno stile del tutto nuovo, rivoluzionario, che influenzera’ profondamente l’evoluzione della poesia italiana”. Cosi’ lo ricorda il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che continua: “Distaccandosi nettamente dalla lirica tradizionale, la poesia di Ungaretti si impegnava a indagare in profondita’ la parola, scavandone e dilatandone i significati piu’ intimi e assoluti, evocando suggestioni e richiami ad altre immagini, per giungere a vere e proprie folgorazioni, come nella celeberrima ‘M’illumino d’immenso’. Da qui si venne configurando il volto di un nuovo movimento letterario, definito in seguito ‘Ermetismo’, di cui Ungaretti e’ considerato unanimemente il padre”. Ancora: “Grande poeta, fraternamente solidale con le ansie di ogni essere umano, Ungaretti- sottolinea il presidente della Repubblica- ha continuamente ricercato una intuizione che illuminasse un frammento di verita’ in tutto il percorso della sua vita: dagli abissi di sofferenza della guerra, all’angoscia esistenziale, fino alla ritrovata fede in Dio”. “Indimenticabili restano le sue apparizioni televisive, come quelle del 1968 quando, introducendo le puntate dell’Odissea, declamava alcuni brani del poema omerico, coinvolgendo e appassionando il pubblico con la sua potenza espressiva. Rendiamo omaggio a Giuseppe Ungaretti- conclude Mattarella– una tra le personalita’ piu’ rappresentative della cultura italiana del secolo scorso”.

Agenzia DiRE  www.dire.it

Visite: 317