Coronavirus, via libera dalla Conferenza Stato Regioni a 90 mln per gli allevamenti.

Carlo Picchi direttore Coldiretti Frosinone

‘’ L’avvenuta approvazione in conferenza Stato-regioni del provvedimento che destina 90 milioni di euro alle filiere della carne italiana è un passo importante per dare ossigeno alle stalle che a livello locale , come nazionale si trovano ad affrontare una crisi senza precedenti ‘’ – commenta il direttore di Coldiretti di Frosinone e Latina Carlo Picchi aggiungendo che – ‘’ la pandemia ha messo a rischio il futuro di un settore che rappresenta il 35 per cento dell’intera agricoltura nazionale e dà lavoro a 800mila persone. ‘’

Le filiere interessate da sovvenzioni dirette sono quelle dei maiali, delle pecore, dei conigli, del latte di bufala e dei vitello da carne per un totale di 65 milioni di euro di intervento. Altri 15 milioni di euro sono destinati al sostegno degli ammassi privati della carne di vitello e 10 milioni per i prosciutti Dop. Tutti settori che non beneficiano degli aiuti della Pac.

Savone Vinicio presidente Coldiretti Frosinone

“Finalmente possiamo contare su misure concrete – afferma il presidente provinciale di Coldiretti Frosinone Vinicio Savone – aggiungendo che ‘’ certamente ci saranno ricadute positive su tutte le economie di riferimento”. ‘’E’ un provvedimento – continua Savone – che va a consolidare la fattiva collaborazione instaurata a livello nazionale da Coldiretti con il mondo delle istituzioni . E’ solo attraverso interventi mirati , ben pensati che possiamo fronteggiare questo momento di difficoltà ‘’.

Positivo anche il via libera della Conferenza Stato-Regioni allo stanziamento di 100 milioni di euro da destinare alla vendemmia verde, misura richiesta espressamente da Coldiretti nel piano salva vigneti presentato al Governo, assieme alla distillazione già scattata a fine giugno. I fondi saranno erogati alle imprese viticole che si impegnano a ridurre volontariamente la produzione di uve destinate a vini a denominazione di origine (DOP) e a indicazione geografica (IGP). Un impegno importante per far fronte alla crisi che vede quasi 4 cantine italiane su 10 (39%) registrare un deciso calo dell’attività con un pericoloso allarme liquidità che mette a rischio il futuro del vino italiano dal quale nascono opportunità di occupazione per 1,3 milioni di persone, dalla vigna al bicchiere secondo l’indagine Coldiretti/Ixe’. Altri 20 milioni di euro saranno destinati ad aiuti diretti al settore pesca e Acquacoltura, anch’esso messo a dura prova dall’emergenza coronavirus, con il calo della produzione e dei consumi di pesce italiano.

Visite: 85

Potrebbero interessarti anche...