CORONAVIRUS. SANITÀ PRIVATA A REGIONE LAZIO: FATECI FARE TAMPONI.

“CREARE NETWORK OPERATIVO COME SI STA FACENDO CON I DRIVE-IN” (DIRE) Roma, 2 set. – La sanita’ privata del Lazio torna a chiedere all’assessore D’Amato di potere fare i tamponi per il Covid-19. Anisap Lazio (lo strutture ambulatoriali private), Aiop e Unindustria hanno avanzato la richiesta nel corso di una seduta della commissione regionale Sanita’. “Abbiamo 240 strutture abilitate alla effettuazione dei test sierologici e in particolare da 25 giorni continuiamo a ricevere dagli utenti notevoli richieste di effettuare anche i tamponi, per completare cosi’ il ciclo di cura- ha spiegato il presidente di Anisap, Valter Rufini– L’assessorato si preoccupa di avere sotto controllo tramite i drive-in il numero piu’ alto pazienti, ma nelle nostre 240 strutture gravitano 1,2 milioni di cittadini.

Capisco le posizioni dell’assessore e le difficolta’ che ci sono, ma ci sembra illogico che delle strutture accreditate, abilitate, controllate e con requisiti da hotel a 5 stelle non possano avere un colloquio chiaro e operativo con lo Spallanzani, ad esempio, per creare un network operativo e controllato come stanno facendo i drive-in”. Rufini ha sottolineato che “non tutti i cittadini montano in macchina e vanno a mettersi in fila, molti stanno a casa e molte famiglie ci chiedono ‘ma perche voi non potete fare i tamponi?’. Chiedo all’assessore un tavolo di confronto sereno e operativo, insieme alle associazioni di categoria e ai professionisti, senza speculazioni per sollevare la popolazione da alcune problematiche emergenti e risolvere alcuni problemi”. La presidente dell’Aiop, Jessica Faroni, ha aggiunto: “Chiediamo un tavolo tecnico di confronto purche’ si arrivi a una condizione che permetta a tutti di lavorare, utilizzare tutto cio’ che e’ a disposizione per snellire il sistema e individuare piu’ casi possibili, anche perche’ a breve ci sara’ la riapertura delle scuole che ci preoccupa non poco”. 

Agenzia DiRE  www.dire.it

Visite: 150

Potrebbero interessarti anche...