CORONAVIRUS. MINISTERO PA: NUOVE NORME PER LO SMART WORKING.

(DIRE) Roma, 25 feb. – “Con il Dpcm del 23 febbraio 2020, il Governo e’ intervenuto per rendere piu’ immediato il ricorso allo smart working, o ‘lavoro agile’, nelle aree considerate a rischio per l’emergenza Coronavirus”. Cosi’ una nota del ministero della Funzione pubblica, che spiega: “In tali aeree, per favorire il normale svolgimento dell’attivita’ lavorativa, il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri consente l’attivazione dello smart working anche in assenza dell’accordo individuale”. “In questi casi- conclude la nota- nella procedura telematica l’accordo individuale e’ sostituito da un’autocertificazione che il lavoro agile si riferisce ad un soggetto appartenente a una delle areee a rischio. Nel campo ‘data di sottoscrizione dell’accordo’, va inserita la data di inizio dello smart working”. 

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite:68

Potrebbero interessarti anche...