CORONAVIRUS. ISTAT: UN PAESE COMPATTO CONTRO IL COVID-19.

(DIRE) Roma, 25 mag. – “Tre cittadini su 4 hanno usato parole di significato positivo per descrivere il clima familiare vissuto nella Fase 1 dell’emergenza Covid-19. Alta la fiducia espressa verso il personale medico e paramedico del Servizio Sanitario Nazionale con un punteggio medio pari a 9 (in una scala da 0 a 10) e verso la Protezione civile (8,7). Il 91,2% dei cittadini ha considerato utili le regole imposte per contrastare l’evoluzione della pandemia. L’89,5% ha percepito come ‘chiare’ le indicazioni su come comportarsi per contenere il contagio”. E’ quanto emerge dal rapporto Istat ‘Reazione dei cittadini al lockdown. 5 aprile – 21 aprile 2020′. 11,6 e’ il numero medio di volte in cui i cittadini si sono lavati le mani in un giorno. 5,1 e’ il numero medio di volte in cui i cittadini si sono puliti le mani con disinfettanti in un giorno. 72% e’ la quota di cittadini che non sono usciti durante la giornata. L’indagine presentata in questo report, condotta nella Fase 1 dell’emergenza Covid-19 ovvero nel periodo dal 5 al 21 aprile 2020, spiega l’Istat, misura comportamenti e percezioni dei cittadini in pieno lockdown. Vengono qui pubblicati i primi risultati, in particolare quelli relativi al rispetto delle misure adottate dal Governo e al clima respirato all’interno della famiglia Le regioni sono state classificate in tre aree: la zona rossa (area 1) che comprende Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna e Marche; l’area 2 che comprende tutte le altre regioni del Centro-nord; l’area 3 che comprende le regioni del Sud e delle Isole.

Agenzia DiRE  www.dire.it

Visite: 55

Potrebbero interessarti anche...