CORONAVIRUS. D’AMATO: NEL LAZIO IMMUNITA’ GREGGE BASSISSIMA, TEST FONDAMENTALI.

“PRESTO PRELIEVI ANCHE IN OSPEDALI, SI PAGHERA’ TARIFFA REGIONALE 15 EURO” (DIRE) Roma, 26 mag. – “I dati sui test sierologici nel Lazio ci dicono tre cose: che il Covid-19 circola ancora nella nostra regione, che e’ stato contenuto finora perche’ ha raggiunto solo il 2,4% delle persone, ma questo significa pure che l’immunita’ di gregge e’ ancora bassissima”. Lo ha detto l’assessore regionale alla Sanita’, Alessio D’Amato, in un’intervista a Il Messaggero. L’assessore ha quindi spiegato che i 300 mila test sierologici sul personale sanitario e le forze dell’ordine saranno completati entro fine giugno, ma si sta valutando un allargamento ad altre categorie: “Probabilmente in autunno ci sara’ un’estensione. Se prima la sfida era attrezzare al meglio le terapie intensive, oggi e’ fondamentale rintracciare tutti gli asintomatici”. Per quanto riguarda la possibilita’ di fare test per tutti, D’Amato ha chiarito: “Come Regione abbiamo chiesto al governo di inserirli tra i Livelli essenziali di assistenza. Nelle strutture pubbliche oggi vale la tariffa regionale: 15 euro e 23 centesimi. Abbiamo fissato un tetto e chiediamo ai laboratori di adeguarsi. Posso dire una cosa: appena terminera’ la sperimentazione dei 300 mila test sierologici, si potra’ fare l’esame andando negli ospedali, mettendosi in lista d’attesa. Insomma, ci si prenota e si paga la tariffa regionale. Al San Giovanni si puo’, a brevissimo lo stesso servizio sara’ disponibile al San Camillo e al Sant’Andrea”.

Agenzia DiRE  www.dire.it

Visite: 292

Potrebbero interessarti anche...