CORONAVIRUS. CALENDA: OPPOSIZIONI SMETTANO DI CAZZEGGIARE.

(DIRE) Roma, 5 apr. – E’ in arrivo la madre di tutte le recessioni con un calo del Pil del 15 per cento? “Non lo possiamo quantificare. Dipende dal Lockdown e da mille altre cose (propensione al consumo dopo il lockdown etc). Quello che sappiamo – risponde Carlo Calenda su twitter- e’ che fino ad ora le nostre risposte economiche sono state deboli e inefficienti. Speriamo che domani con il nuovo decreto vada meglio”. Il leader di Azione torna anche sulla trattativa con l’Europa: “Possiamo chiedere 6000 triliardi di euro, ma se poi non ne sappiamo gestire 25 allora abbiamo un problema che e’ tutto nostro. Opposizione compresa, che continua a “cazzeggiare” sull’abolizione dei tralicci dell’energia”. Calenda critica ‘l’idea di Salvini’ di cancellare dai costi della bolletta elettrica quelli per il trasporto dell’energia’ e gli incentivi di produzione dell’energia rinnovabile. “Non possiamo continuare con questo cazzeggio continuato in mezzo a un disastro…”. 

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite totali:64
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche...