Comitato Promotore Cambiamo Cassino.

Preliminarmente il Comitato Promotore Cambiamo di Cassino plaude alla giornalista Angela Nicoletti che con coraggio e professionalità pubblicò un articolo 3 anni fa riportano un’intervista ai migranti in città sottolineando il problema dell’accoglienza, e alla Procura di Cassino, alla Polizia di Stato ed alla Guardia di Finanza per l’indagine condotta riguardo l’ individuazione di una presunta associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, estorsione, truffa, frode, malversazione.

L’ increscioso evento che ha visto protagonisti noti personaggi della nostra città indagati e smascherati nell’operazione “welcome to Italy” per alcuni dei quali erano stati chiesti i provvedimenti più pesanti , ha fatto sì che la nostra città fosse oggetto di attenzione sulle cronache non solo locali ma nazionali danneggiando di fatto l’immagine della città Martire.

Personaggi che sfruttando la gestione di richiedenti asilo e rifugiati in modo equivoco, predisponevano in modo opaco dell’utilizzo di soldi pubblici che proprio ai migranti erano destinati, e lasciavano le povere persone con poco cibo e poco vestiario per la sopravvivenza.

Il fatto in se’ è da condannare certamente ma a nostro avviso va fatta chiarezza sulla posizione di un noto imprenditore ex consigliere comunale ed ex aspirante sindaco, sig. Mosillo che ad oggi è il socio di maggioranza dell’amministrazione di Cassino a cui fanno riferimento due assessori e ben 7 consiglieri.

Ci chiediamo cosa dovremmo aspettarci da questa amministrazione se colui che ha di fatto reso possibile la nascita di essa è un indagato per truffa, reato grave di per se’ ma se non fosse ancora più deprecabile in questa vicenda poiché perpetrato ai danni dei più deboli fra i più bisognosi.

Nonostante tale gravissimo fatto, attesa la presunzione di innocenza prevista nella nostra Carta Costituzionale, il Sindaco in carica non ha ritenuto doveroso così come lo richiede il suo stesso ruolo rendere conto alla cittadinanza di quanto si è abbattuto sul suo principale sponsor elettorale

Ci auspichiamo che un amministratore che abbia effettivamente a cuore le sorti e l’ onorabilità della sua città decorata con medaglia d’oro al valor militare per le tragiche vicende che l’ hanno vista protagonista durante la seconda guerra mondiale, agli occhi della Nazione intera abbia il coraggio umano ed istituzionale di prendere posizione e fornire il suo giudizio e pensiero su tale grave vicenda giudiziaria per spazzare via ogni possibile comportamento o atteggiamento ambiguo che potesse essere sospettato di solidarietà contigua con i protagonisti della vicenda.

Spiacerebbe , altresì, constatare che in tale tematica in cui la sinistra spesso si autoproclama come unica paladina a difesa di tali persone bisognose si macchi di tali opacità.

Comitato Promotore Cambiamo con Toti Cassino

Visite totali:35
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche...