Claudia Bellocchi (Lega Nord): “Il Vicesindaco di Civitavecchia Lucidi(M5s) farnetica di xenofobia con la Lega che aiuta gli Italiani ma nega l’utilizzo dei bagni del Comune alle famiglie accampate in tenda davanti al suo comodo ufficio.”

IMG_5075Bellocchi: “Un Movimento Cinque Stelle che sembra essersi dimenticato dei civitavecchiesi , le famiglie sfrattate ci dicono che erano presenti solo prima delle elezioni, il vicesindaco ha schierato la polizia comunale impedendoci di entrare nell’androne del Comune al riparo dal sole, lasciando più di 40 persone compresi dei bambini  sotto il sole per più di un ora, questo è il movimento di Grillo vicino ai cittadini.”

I due esponenti del Carroccio hanno accolto la richiesta dei simpatizzanti Leghisti e delle famiglie di Civitavecchia per intervenire sui temi concreti della città.
In un clima di profonda delusione verso i politici locali che li hanno abbandonati ,i Leghisti hanno prima effettuato un giro per il mercato cittadino con un nutrito gruppo di sostenitori al seguito, hanno poi incontrato il comitato cittadino nato per contrastare l’arrivo dei profughi alla caserma De Carolis dando la loro piena disponibilità ai residenti del loro aiuto.
Arrivati poi  al Comune hanno incontrato i cittadini che stanno vivendo accampati in tenda  da mesi vittime degli sfratti eseguiti dal Comune di Civitavecchia.
L’On. Borghezio prontamente ha deciso di far visita al Sindaco insieme agli esponenti delle famiglie sfrattate, ma in assenza del primo cittadino, il Vice Sindaco Lucernoni (M5S) ,non ha permesso ad alcun esponente di entrare,negando la richiesta delle famiglie di poter ripararsi dal sole cocente di mezzogiorno almeno nell’atrio del palazzo comunale lasciando donne e bambini sotto il sole cocente, ha voluto quindi ricevere solo l’Europarlamentare ed il Coordinatore leghista di Civitavecchia Luigi D’Amico.
Il lungo colloquio ha esortato l’amministrazione grillina a risolvere il problema concretizzandosi  in un appuntamento entro la settimana nelle strutture comunali adibite al sociale.
Visite: 27