Ceprano, successo del Forno ‘Antichi Sapori’. La tradizione si mantiene. Plauso di Quadrini.

In un panorama poco favorevole dettato da una crisi che ancora si fa sentire a tutti i livelli, è motivo di soddisfazione il successo raggiunto dall’impresa artigianale panificio Antichi Sapori di Ceprano, una realtà d’eccellenza nelle mani professionali del sig.Marcello Dragonetti e sua moglie Lucia.

A tal riguardo il consigliere provinciale e presidente della XV Comunità Montana Valle del Liri Gianluca Quadrini rivolge il suo personale plauso sottolineando l’importanza della promozione territoriale grazie alla produzione di prodotti tipici locali in particolare delle Cantamesse di Ferragosto:”Le mie piu’ vive congratulazioni al panificio di Marcello Dragonetti e sua moglie Lucia per il successo raggiunto anche quest’anno attraverso un prodotto che esalta gli antichi sapori e le tradizioni gastronomiche della cultura della nostra terra. La serietà, la competenza e l’inconfondibile sapore dei loro prodotti sono frutti di una innata passione per l’arte panificatoria che promuove non solo il nostro territorio e la media Valle del Liri ma l’intera Ciociaria, portando alto il suo nome.”

Ogni anno il giorno di Ferragosto, in occasione dei festeggiamenti in onore di san Rocco, a Ceprano si svolge la processione delle cantamesse, profumatissimi pani all’anice di forma ovoidale lunghi circa un metro. Il curioso nome sembrerebbe avere origine da un’antica consuetudine: in passato, infatti, nei giorni dell’Assunta e di San Rocco, le famiglie più ricche offrivano pane e companatico ai poveri del paese durante la messa cantata. Si tratta di una forte tradizione popolare, strettamente connessa a quella religiosa, documentata fin dal 1500. Il pomeriggio del 15 agosto, le cantamesse vengono portate in processione dalla piazza del paese all’interno di grandi cesti decorati con fiori e nastri, spesso da donne vestite con tradizionali costumi ciociari. Il corteo è aperto da due suonatori di zampogna e ciaramella e chiuso dalla confraternita di san Rocco, che porta a spalla il “Sarrucchitto”, la piccola statua d’argento di San Rocco. Alla fine della processione, le cantamesse vengono benedette dal parroco davanti alla Chiesa di San Rocco, tagliate e, il 16 mattina, distribuite ai cepranesi, che sono liberi di lasciare una piccola offerta. Anche quest’anno in paese c’è stato un nuovo record: quello del forno “Antichi Sapori” di via Alfieri, che ha realizzato una cantamessa di ben 26 kg, lunga 2 metri e 18 centimetri. E a Ceprano il panificio di Marcello Dragonetti e sua moglie Lucia è l’unico a preparare a regola d’arte questo pane: Marcello ha iniziato sin da subito quando, 23 anni fa, ha acquistato il forno della famiglia Mastromattei, un’istituzione in questa cittadina ciociara, chiamato anche “Paina”.

Ufficio stampa

Gianluca Quadrini

Consigliere provinciale

Presidente XV Comunità Montana

Visite: 43

Potrebbero interessarti anche...