poesie ciociare

Sieme fatte accusì di Paolo Colapietro.

SIEME FATTE ACCUSI’ di Paolo Colapietro Na zitella, né bella né brotta, se cecaua a cercà ‘ne marite, ma niciune, fra tante partite, se ‘nzugnaua a piglarse ‘sa côtta. I passaua, sta pôra zitella,...

Prime parole di Ercolino Martire.

PRIME PAROLE di Ercolino Martire Appena che nepoteme è aruàte a truvàrme qua abbàlle a Frusenone, i’ me so’ misse lèste ‘n pusezzione pe’ fàrglie devertì ‘che le resàte che ce tenéva appunte prucurà apposta pe’...

‘NE CANE.

  di  PAOLINO COLAPIETRO “Siè lette la nutizia maddemane?” “Qual essa è, cumpà? “Chella deglie cane ch’è fatte glie piantone alla prigione dò c’erene schiaffate glie padrone. Parecchia gente s’è pigliate a core ste...

Lu vino cesanese.

di  ALESSANDRO PIETRANGELI Lu vino cesanese è gliu core de stu paese ognuno è innamorato è ruscio e profumato lu contadino lavoratore conosce bene stu licore; i Colonna di Paliano lo portavano agliu Vaticano...

La cecala i la furmica.

di BRUNO PASTORELLI (Frosinone 10-01-1942). A do la sera remaneua tanta gente, canteua la cecala mese all’ara strafuttente. A n’ora tante afosa. I na furmica affatecata, trascineua na fronna d’inzalata. Le sampe appetteneuene ‘n...

N’asenare.

di Francesco Proia  “Romoletto” D’estate a nu paese chine de turiste persone maie viste tienne le pretese   pecchè so rumane d’esse chiù cevile educate e gentile deglie paesane!   Nu jorne ‘nmiese la...

Quande se giucava a la glippa

Poesia di Antonio Camilli Na mazza pure storta ne piezze de ramazza appuzzutata esse la glippa forza bardasci dacce na botta falla ulà chiù forte daglie viente, luntane addò glie fiume frabotta ‘nche glie...

Terra Ciociara

        di Riccardo Gulia   Chèsta terra ‘e Ciociaria tutta bella e fortenata torne, attorne è circondata dagli fiore ‘e lle città. Ommone forte – fèmmene belle, terra felice, che simmene e...

Le funtanelle

Da Caleidoscopio Ciociaro di Edmondo Carretta   Poesia di Alessio di Sora LE FUNTANELLE   Da tante nen bèue l’acqua teia.   Me n’esce ‘nocchie da reunirte a tròva,   v’urria sta ‘sentì mattina...

Ciociare de’ nna vota

di Erio Alessandri ‘Na mattina, ‘na bella pecurara, cu’ nna canestra piena de ricotte, de burro, de giuncata i de caciotte, s’accullucavo a Piazza Montanara.   Vestita comme veste la ciociara: prusperosa de finachi  ...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: