Carnevale a Pontecorvo.

 Il carnevale pontecorvese

L’anno di nascita del Carnevale così come lo conosciamo noi oggi è il 1952.

Secondo quanto si racconta alcuni Pontecorvesi, in visita nella città di Napoli,

acquistarono un pupazzo di cartapesta raffigurante un gigantesco elefante, Alicandro, con il quale fu realizzata la prima sfilata allegorica in Via XXIV Maggio.

Questa prima iniziativa carnevalesca portava con sé la voglia di divertirsi e di festeggiare una ricorrenza che sembrava molto apprezzata dai cittadini pontecorvesi e così da allora si registrò una crescita costante delle iniziative

fino a raggiungere un’importanza tale che fece del Carnevale l’evento più rilevante della città.

Feste in costume, gruppi mascherati rappresentanti i più svariati temi carnevaleschi, iniziative fantasiose che nel tempo si sono consolidate divenendo eventi caratteristici dell’avvenimento, col passare del tempo, hanno arricchito e potenziato il Carnevale.

Basti pensare al Festival dei bambini mascherati divenuto l’emblema del Giovedì Grasso oppure al successo del “Mazzamavere”, una delle maschere tipiche di questo carnevale.

La leggenda che accompagna questo costume ne colloca la nascita al tempo in cui i Saraceni invasero il paese e venivano accolti dagli abitanti al grido di

“Ammazza i mori” (da cui il nome Mazzamavere); la maschera consiste infatti in figure col viso tinto di nero e indossanti un lenzuolo bianco.

Un’altra figura classica della manifestazione è quella della Principessa, nata nel 1979 con l’intento di riproporre le grandi serate di ballo che si organizzavano spesso durante gli anni 70. La Principessa rappresentava infatti la reginetta che durante queste feste veniva eletta a fine serata.

Ella partecipava alla sfilata trainata su un risciò da due cinesi, e accompagnata dalla sua corte e da Sua Maestà Re Carnevale.

L’avvenimento destò scalpore, perfino i giornali ne parlavano: il Sindaco era stato spodestato, la Principessa aveva assunto per il periodo della festa il potere assoluto di Pontecorvo. Perciò il Sindaco era stato costretto a consegnarle le chiavi della città.

La trovata della Principessa ridiede vigore alla manifestazione ed il 1979 segnò la vera svolta nella storia del Carnevale Pontecorvese che tornò ad interessare e richiamare moltissimi visitatori.

Oggi le figure dei “Mazzamaveri” e delle “Principesse” sono state dimenticate quasi del tutto, ma il Carnevale continua ad essere molto sentito e la manifestazione conta ogni anno migliaia di visitatori attirati dalla sfilata del carri allegorici e dai gruppi mascherati che riempiono le strade del paese.

Da una decina di anni la maschera ufficiale del Carnevale Pontecorvese è “Burlicchio”, simile quanto al vestito al più famoso Arlecchino, con un manganello in mano e con il naso di Pinocchio.

Il percorso dei carri

Viale Aldo Moro;

Via Leuciana;

Piazza Annunziata;

Rione San Rocco;

Via La Cupa;

Arrivo in Piazza Porta Pia.

Canto popolare

Canti popolari sul carnevale

MENU DI CARNEVALE

” Massera me so ‘ fatte ‘na magnata

cu ‘ sagne, la frionza i gli squagliozze,

me so ‘ saziate, po’, cu ‘n’ abbuffata

de pigne, tesechèlle i maritozze.

 

A pranze, prima, già m’era magnate

nu piatte de timballe i nu bruditte,

agneglie cu patate arrusulate,

pollastre cu cappune i pesce fritte.

 

Potevene mancà, po’, gli cunturne?

Fenucchie, peparole, melanzane,

cipolle i pummedore turne turne

cu quatta- cinche felle de bone pane.

 

Presutte- ancora! – i pezze de salame,

zampitte, savecicce i panzanella,

pe cuntinuà cu ‘n àvete affettate

de soppressate cu ‘na capuzzella.

 

Pe doce: panzarotte cu sfugliata,

cannole culla crema i le crespelle,

babbà, tìreme su, la cicirchiata

i calle calle- quatte zeppulelle.

 

Ma lu cchiù beglie me sera scurdate

Pe comme ive a fernì ‘sta gran magnata:

fu l’utema delizia, ‘na ‘nguzzata

de pizza doce culla ciucculata.

 

Po’, ‘n coppa a tutte chesse, ‘n’annaffiata

De vine bbone, bianch ‘ i rusce toste,

me rimbambisce- la mente annebbiatai

dritte me retrove ‘n terra poste.

I dorme, i russe, ifaccie cannateglie,

me vote i me revote beglie beglie,

de botte rape gl’occhie i me risveglie :

che me se para ‘nnante? Tagliareglie!

 

Cu sèllere, rasure, pallagreglie,

rusolie, limuncella, rattafia,

se recumenza cu ‘sse meraviglie.

-“f ‘regna che sfunnàte, mamma mia!”

 

Visite totali:53
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche...