BCC di Roma: soci e dipendenti della provincia di Frosinone sabato 12 settembre in udienza da Papa Francesco per il sessantesimo anniversario dalla fondazione.

bccSono oltre 1,8 milioni di euro i fondi stanziati dalla Banca nel 2014 per finanziare più di 2.300 iniziative sociali che hanno dato sostegno concreto anche a 300 parrocchie del Lazio tra cui quelle reatine.

I soci e i dipendenti della Banca di Credito Cooperativo di Roma della provincia di Frosinone, sabato 12 settembre, saranno ricevuti in udienza da Papa Francesco, in occasione del sessantesimo anniversario della Banca, la prima cooperativa di credito italiana.

All’incontro, che si terrà presso l’Aula Paolo VI della Città del Vaticano, parteciperanno in totale 7 mila tra soci e dipendenti della Banca, insieme alle loro famiglie. Il saluto introduttivo sarà affidato al Presidente di BCC Roma, Francesco Liberati, che parlerà dell’attività, i valori e la responsabilità sociale che caratterizza la Banca dalla sua fondazione. A seguire si terrà l’intervento di Papa Francesco.

Nel 2014 BCC di Roma ha erogato contributi pari a oltre 1,8 milioni di euro per finanziare più di 2.300 iniziative di carattere sociale e assistenziale, culturali, sportive e di tutela ambientale a favore della collettività.

In particolare, il supporto della Banca nel 2014 è stato diretto verso 300 parrocchie ed enti religiosi, tra cui molte della provincia di Frosinone.

L’udienza che il Santo Padre ci concederà sarà la grande occasione per festeggiare i Sessant’anni dalla fondazione della Banca e per testimoniare il nostro impegno di cristiani attivi nella società civile – ha commentato il Presidente Francesco Liberati -. La nostra Banca è una Cooperativa di Credito le cui radici sono saldamente ancorate ai princìpi di solidarietà e mutualità e il cui sguardo è da sempre rivolto alla dottrina sociale della Chiesa. Da sempre abbiamo prestato attenzione al territorio, sostenendo e valorizzando i soggetti attivi che operano per fini di utilità morale e civile. Siamo particolarmente vicini a più di 300 parrocchie ed enti religiosi della Diocesi di Roma e dei territori di nostra presenza e di recente abbiamo raccolto un contributo per sostenere il progetto “Non ti scordar di me”, in favore dei piccoli pazienti dell’Ospedale pediatrico Bambin Gesù. Rinnoveremo al Papa il nostro umile impegno a costruire un futuro migliore”.

La BCC di Roma è la prima banca di Credito Cooperativo in Italia. Fondata nel 1954 con il nome di Cassa Rurale ed Artigiana dell’Agro Romano, la Banca è oggi presente nel Lazio e nell’Abruzzo con 180 sportelli in 79 comuni, 1.270 dipendenti, circa 30.000 soci e quasi 300.000 clienti, in gran parte famiglie e piccole imprese, oltre che PA ed Enti.

In base all’ultima classifica stilata da Mediobanca nel 2013, BCC di Roma si è classificata al primo posto tra le banche di Credito Cooperativo per totale attivo, impieghi, raccolta, patrimonio netto, utile netto, numero sportelli. Con un totale attivo di 10,5 miliardi al 31 dicembre 2014 (+5% sul 2013), BCC di Roma ha raggiunto una dimensione che la posiziona oggi tra le prime dieci banche cooperative italiane, comprese le popolari.

In 60 anni di storia, sono confluite in BCC di Roma 18 banche di Credito Cooperativo, di cui 15 a seguito di operazioni di fusione per incorporazione.

Nell’ultimo triennio, gli impieghi e la raccolta diretta sono aumentati rispettivamente del 14,5% e del 16,9% e negli ultimi dieci anni mediamente ogni anno del 9,3% e del 7,6%, attestandosi al 31 dicembre 2014 a 5,6 miliardi di euro (+2,9% sul 2013) e 7,8 miliardi di euro (+2% sul 2013).

La Banca dispone di un patrimonio aziendale di 747,3 milioni di euro (+5,7%), con un CET1 capital ratio e un Tier 1 capital ratio che sono stati pari al 16,9% (per le prime 8 banche italiane mediamente il CET1 è del 10,8%) e un Total capital ratio del 17% (dati al 31 dicembre 2014).

La Banca nella sua attività si ispira ai principi fondanti della cooperazione, quali la mutualità e la solidarietà, che si concretizzano nell’orientamento al cliente e nel radicamento sul territorio di riferimento, contribuendo a promuovere il benessere delle comunità dove opera e il loro sviluppo economico e culturale attraverso un’attiva azione di responsabilità sociale.

Contatti

Barabino&Partners

Raffaella Nani

r.nani@barabino.it

Domenico Lofano

d.lofano@barabino.it

Tel. 06.679.29.29

Visite: 48