ARPINO, SUCCESSO ‘PRIMAE INTER PARES’. PROTAGONISTA DELLA SERATA L’IMITATRICE GABRIELLA GERMANI.

Grande successo ha riscosso l’evento Primae Inter Pares, il Premio organizzato ad Arpino presso l’Hotel Il Cavalier D’Arpino dal Comune e dall’associazione Sos Donna per la Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne. Presenti all’iniziativa patrocinata dalla XV Comunità Montana Valle del Liri molte Istituzioni tra cui il consigliere provinciale capogruppo di Forza Italia e presidente della XV comunità montana Gianluca Quadrini, il prefetto SE dott.ssa Emilia Zarrilli, il Questore di Frosinone dott.ssa Rosaria Amato, il dott. Luigi Vacana, il dott. Giuseppe Patrizi.

L’importanza del premio “Primae Inter Pares” e del conferimento di simili riconoscimenti a donne impegnate in diversi campi del sapere, non è soltanto, a livello generale, per il riconoscimento ufficiale di una eccellenza femminile in qualsiasi campo, è un modo per sottolineare la raggiunta uguaglianza sociale ed in tutti i campi delle donne rispetto agli uomini, e per dimostrare che il talento, il lavoro, il premio non fanno discriminazioni, che la donna ha e deve avere le stesse opportunità e possibilità di un uomo.

Ad essere premiate sono state per prima l’imitatrice Gabriella Germani, poi l’arpinate Fabiola Gabriele autrice del libro Il Coraggio di vivere, Nausicaa Rea pilota, Antonella Fornari vicepresidente Sos Donna, Claudia Pompeo imprenditrice Terme Pompeo, l’avv.Giuliana Pagnanelli che si occupa di consulenze legali per l’associazione, Valentina Abate e Valeria Fazo di Alvito inventrici del marchio Firminio, Marlene Frisoni consulente dell’associazione Sos Donna, la dott.ssa Federica De Santis, Valentina Bove infermiera protagonista di missioni in Africa, Olga Manuel Giudice penale del Tribunale di Cassino, Sonia Schiavo imprenditrice proprietaria del Cavalier D’Arpino e la giornalista Angela Nicoletti per l’impegno proficuo.


“Un evento molto importante –ha affermato il presidente dell’ente montano ing. Gianluca Quadrini che ha portato i saluti sia dell’ente Provincia che dell’ente montano- che abbiamo deciso di sostenere perché sensibilizzare su questo tema sempre più attuale è il primo passo da compiere se vogliamo realmente arginare un fenomeno non più episodico ma strutturale. Il cambio di mentalità è il primo passo per combattere la violenza sulle donne che è atavica ed ha chiareradici culturali. Per questo è importante dare vita a queste iniziative che vanno portate avanti perché oggi è più che mai necessario essere dalla parte delle donne e dei diritti umani, contro le sopraffazioni, la violenza, gli abusi, i femminicidi. Un ringraziamento alla reginetta dell’evento, la celebre imitatrice di Arce di fama internazionale l’amica Gabriella Germani che il 29 dicembre prossimo si appresta a ricevere anche un altro premio quello dei ‘Cicero Award’ da parte della Fondazione ‘Marco Tullio Cicerone’, un riconoscimento dell’anno a personalità italiane distintesi nel campo dell’Arte, Spettacolo, Cultura. “Al presidente e amico Quadrini mi lega una profonda amicizia, che ereditiamo dai nostri amati papà. Un’amicizia cresciuta col tempo e rimasta indelebile nonostante le distanze-ha commentato la Germani”. “Sono impressi con affetto nella mente –ha affermato Quadrini- i legami amichevoli dei nostri papà, nonché le bellissime esperienze tra i banchi di scuola che io e Gabriella abbiamo frequentato insieme”.


“Un plauso alla dott.ssa Rachele Martino consigliere comunale di Arpino oltre che consigliere comunitario per aver fortemente voluto questo evento organizzato magistralmente e a tutti coloro impegnati nel campo e presenti qui oggi, all’amica Fabiola Gabriele, alle Forze dell’Ordine che reprimono ma soprattutto prevengono, e il cui grido di allarme va ascoltato sempre dalle Istituzioni affinchè le giovani generazioni siano degne di un futuro migliore, nonché alla Magistratura sempre vigile e che opera nel rispetto della Legge.
“Combattere questa violenza deve diventare una priorità del Governo e delle Istituzioni, sia nazionali che locali. Tra queste, bisogna insistere sull’applicazione della Convenzione di Istanbul, la cancellazione della depenalizzazione del reato di stalking, risorse certe ai C.A.V (centri antiviolenza) utili per potenziare la protezione delle donne contro i reati. Senza dimenticare che è necessario affiancare le donne affinché prendano consapevolezza del loro valore, accrescano l’autostima, acquisiscano decisione nel denunciare le violenze subite”.

Ufficio stampa
Gianluca Quadrini
Consigliere provinciale
Capogruppo FI
Presidente XV Comunità Montana

 

Visite totali:28
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche...