ARCE. SERENA MOLLICONE, DOMANI SI TORNA IN AULA MA NON CI SARÀ DECISIONE.

LEGALE DELLA FAMIGLIA: NON SI CONCLUDERÀ LA FASE UDIENZA PRELIMINARE (DIRE) Roma, 29 giu. – Sara’ la prima udienza a cui Guglielmo Mollicone non sara’ presente, per la prima volta in 19 anni. Il papa’ di Serena, la ragazza di Arce, in provincia di Frosinone, scomparsa l’1 giugno del 2001 e ritrovata senza vita dopo due giorni in un boschetto a pochi chilometri da casa, e’ morto il 31 maggio scorso: era stato colpito da arresto cardiaco, finito in coma, non si era piu’ ripreso. Martedi’ 30 giugno si terra’ una l’udienza preliminare relativa all’omicidio di Serena e alla morte di Santino Tuzi, il brigadiere che vide la ragazza entrare nella caserma dei Carabinieri di Arce, in provincia di Frosinone, quel primo giugno del 2001. La pm Beatrice Siravo ha chiesto il rinvio a giudizio per i cinque indagati per l’omicidio della diciottenne. Il maresciallo dei Carabinieri Franco Mottola, la moglie Anna Maria, il figlio Marco e il maresciallo Vincenzo Quatrale sono accusati di concorso nell’omicidio. Quatrale, inoltre, e’ accusato anche di istigazione al suicidio di un altro collega, il brigadiere Santino Tuzi, mentre Francesco Suprano deve difendersi dall’accusa di favoreggiamento. Ora il gup del Tribunale di Cassino Domenico Di Croce decidera’ se mandare a processo i 5 indagati o archiviare definitivamente. Una decisione che sara’ presa di certo non il 30 giugno: “Non si concludera’ la fase dell’udienza preliminare- conferma all’agenzia Dire l’avvocato Dario De Santis- È prevista una discussione dei difensori delle parti civili e poi ci saranno altre due udienze a luglio e quindi la decisione ci sara’ nella seconda di queste altre due udienze, con tutta probabilita’. Martedi’, pero’, sicuramente non ci sara’ la decisione”.

Agenzia DiRE  www.dire.it

Visite: 169

Potrebbero interessarti anche...