Il sindaco Daniele Natalia precisa la questione dei percettori di Reddito di Cittadinanza in merito alle richieste ed alla consegna di Buoni Spesa: «Il Comune di Anagni ha ricevuto un invito da parte del “Meetup 5 Stelle Anagni” a tenere in considerazione, nell’ambito delle richieste per i Buoni Spesa, anche i percettori del Reddito di Cittadinanza o del Reddito d’inclusione, nonché di altre forme di sostegno pubblico. Ma è importante precisare, come già più volte detto, che il regolamento varato dall’Amministrazione include già i percettori di RdC, Rei ed altre forme di sostegno pubblico, è stato però specificato che in via prioritaria verranno considerate le richieste di chi, allo stato attuale, non dispone di questa forma di sostegno. La “solidarietà alimentare” si rivolge infatti a tutta la cittadinanza, senza esclusione, ma è chiaro che ci siano priorità da tenere in considerazione e in alcuni casi necessità di istruttorie più specifiche da parte di Servizi Sociali e Forze dell’Ordine. Come già detto, i percettori di sostegno pubblico possono presentare la domanda che, dopo le verifiche di rito, verrà accolta o meno. Anagni non lascia indietro nessuno e questo non è uno “slogan” ma una modalità di servizi dell’Amministrazione che vogliamo portare avanti e che già ha dato ottimi risultati».