ANAGNI: A giorni inizieranno i lavori allo Stadio comunale “Del Bianco”. L’Amministrazione Natalia centra un obiettivo fondamentale.

Si sblocca finalmente la questione dei lavori allo Stadio comunale “Roberto Del Bianco” di Anagni che partiranno entro questa settimana e l’Amministrazione Natalia centra un obiettivo fondamentale.
La vicenda era stata contrassegnata dal ricorso al TAR di una delle ditte partecipanti alla gara d’appalto gestita da una apposita commissione provinciale, ricorsi al momento respinti nelle prime fasi cautelari. Le domande di tutela sono state rigettate dal TAR evidenziando implicitamente non solo la bontà del verdetto della commissione aggiudicataria ma affermando esplicitamente la preminente valenza della conclusione dell’opera nel rispetto dei tempi per la omologazione del campo per la prossima stagione. Sono iniziate pertanto le misure propedeutiche all’inizio dei lavori.
Nei giorni scorsi è stato infatti redatto il “verbale di coordinamento” tra Comune e ditta aggiudicataria dei lavori, atto propedeutico che stabilisce la necessità di aggiornare i protocolli di sicurezza del cantiere inserendovi le prescrizioni imposte a causa del Covid-19. In questi giorni si stanno effettuando sopralluoghi allo stadio, che è stato già consegnato all’azienda, per gli ultimi controlli prima dell’inizio effettivo dei lavori.
Il sindaco Daniele Natalia e l’assessore allo Sport Jessica Chiarelli dichiarano: «Dopo una lunga trafila burocratica finalmente possiamo dire con certezza che questa settimana partiranno i lavori al campo di calcio, uno degli obiettivi di questa Amministrazione. Aprire un cantiere di questa importanza è un bel segnale da dare proprio all’inizio di questa “fase 2”, la dimostrazione che l’azione amministrativa non si è fermata a causa del Covid-19 e che, anzi, prosegue spedita. Purtroppo i tempi della burocrazia e quelli “percepiti” dall’opinione pubblica non viaggiano di pari passo, molto spesso si pensa che si possa ottenere tutto e subito senza considerare il lavoro che c’è dietro o le norme che regolano la complessa macchina dei lavori pubblici. Adesso però possiamo finalmente dare alla città la risposta che attendeva con l’ammodernamento di uno degli impianti sportivi principali di Anagni e le altre opere di “contorno” nella stessa zona che rispondono alla precisa esigenza di aumentare i servizi offerti dall’Amministrazione non solo ai propri cittadini ma anche a chi viene da fuori. Possiamo dire che lo stadio sia un’opera che può contribuire a mettere a sistema l’attività agonistica con il turismo sportivo e che garantisce alla città un impianto moderno in linea con gli attuali standard. I fatti e non le parole sono la cartina al tornasole dell’azione efficace di una Amministrazione che procede per la sua strada e rispetta il proprio programma che è poi quello che i cittadini hanno scelto al momento delle elezioni».
Visite totali:131
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche...