AMBIENTE. GOLETTA VERDE E DEI LAGHI, MALADEPURAZIONE NEMICO PRINCIPALE ACQUE.

361 PUNTI CAMPIONATI, 1 SU 3 OLTRE LIMITI IN COSTE, 1 SU 4 IN BACINI LACUSTRI (DIRE) Roma, 12 ago. – Resta la maladepurazione il principale nemico delle acque dolci e salate nel nostro Paese. A confermarlo e’ il bilancio critico delle due Golette di Legambiente, Goletta Verde e Goletta dei laghi, che anche quest’estate ha monitorato lo stato di salute del mare e dei laghi italiani. Ben 361 i punti totali campionati in 18 regioni (tra cui Molise, Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Lazio Abruzzo, Toscana, Emilia-Romagna, Marche, Calabria, Liguria, Sicilia, Sardegna, Puglia, Campania) e 28 bacini lacustri con un punto su tre risultato oltre i limiti di legge lungo le coste e uno su quattro nei laghi. I risultati del monitoraggio sono stati presentati questa mattina a Roma nella sede dell’associazione ambientalista da Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente, Serena Carpentieri, vicedirettrice e responsabile campagne di Legambiente, e Andrea Minutolo, responsabile scientifico dell’associazione. Le criticita’ maggiori sono state riscontrate sul versante costiero tirrenico a ridosso di foci di fiumi e canali, con una situazione preoccupante in diverse regioni del sud, come Campania, Calabria e Sicilia, dove persistono problemi legati all’assenza di impianti di depurazione e di allacciamento alla rete fognaria, e nel centro Italia, in particolare nel Lazio. Ad aiutare quest’anno il team di tecnici di Legambiente nei monitoraggi oltre 300 volontari e volontarie dei circoli territoriali. Per Legambiente si tratta di “una grande azione di citizen science”, quest’anno “il cuore delle due campagne” che, a causa delle restrizioni anti-Covid, “non hanno potuto avvalersi del classico itinerario coast-to-coast a bordo dell’imbarcazione”. 

Agenzia DiRE  www.dire.it

Visite: 180