AMBIENTE. ANBI: IN ITALIA MIGLIAIA DI CHILOMETRI CICLOPEDONALI.

(DIRE) Roma, 3 giu. – Dal 2018, per iniziativa dell’Organizzazione delle Nazioni Unite, il 3 Giugno e’ la Giornata Mondiale della Bicicletta; in Italia sono migliaia i chilometri percorribili lungo i corsi d’acqua, curati dagli enti di bonifica: una straordinaria opportunita’ per una stagione turistica, rivolta soprattutto al mercato interno. A ricordarlo e’ l’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), che indica, nel modenese, l’esempio recente del canale Cavata Orientale diventato, a circa un anno dall’intervento di riqualificazione, una delle mete naturalistiche piu’ visitate in Emilia Romagna.
La proficua collaborazione tra il Consorzio di bonifica dell’Emilia Centrale ed il Comune di Carpi (nell’ambito del progetto Life Rinasce, promosso in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna ed approvato dalla Commissione Europea) sta portando a significativi risultati naturalistici e sociali oltre che per la sicurezza idraulica del territorio. I lavori sul canale Cavata Orientale, conclusi un anno fa con la creazione di una cassa di espansione- continua la nota- mostrano ora l’elevato valore ambientale per il territorio: la zona umida, costruita all’interno del bacino di laminazione, e’ ormai frequentata da numerose specie di uccelli; gli anfibi iniziano a colonizzarla e l’ecosistema palustre sta iniziando a strutturarsi, mentre le circa mille specie di alberi ed arbusti stanno crescendo sotto attento monitoraggio”.
“Il progetto comunitario- sottolinea Francesco Vincenzi, Presidente di ANBI– integra riqualificazione idraulica e salvaguardia ambientale: la risagomatura dei corsi d’acqua risponde ai piu’ moderni indirizzi di riqualificazione fluviale.
Con la fine del lockdown, il bacino di laminazione e’ diventato un luogo identitario per il territorio ed una delle mete preferite dai tantissimi amanti della bicicletta.” Il complesso intervento (valore: oltre 2 milioni di euro finanziati da ente consorziale, Regione Emilia-Romagna ed Unione Europea) e’ volto al miglioramento della qualita’ ambientale e della sicurezza idraulica di alcuni canali di bonifica emiliani, diminuendo il rischio di inondazioni e salvaguardandone lo stato ecologico. “Questa esperienza emiliano-romagnola- prosegue il Presidente di ANBI– e’ la migliore risposta ai pregiudizi verso la realizzazione delle casse di espansione, che non solo salvaguardano i centri abitati dalle ondate di piena e possono diventare un bacino di accumulo idrico, ma svolgono un’importante funzione ambientale”. “Questo progetto- afferma Matteo Catellani, Presidente del Consorzio di bonifica dell’Emilia Centrale- costituisce un concreto esempio di come la gestione delle opere di bonifica sia improntata non solamente alla massima efficienza idraulica, ma anche alla valorizzazione dell’habitat.” “Dal Nord al Sud dell’Italia – aggiunge Massimo Gargano, Direttore Generale di ANBI – nei Consorzi di bonifica e’ ormai costante la ricerca della compatibilita’ fra le esigenze della manutenzione idraulica ed il rispetto dei tempi della natura. La pianura padana, in particolare, e’ uno degli ecosistemi maggiormente antropizzati al mondo, in cui i corsi d’acqua sono le uniche riserve di biodiversita’ e rappresentano un luogo fruibile alle comunita’. In tutta Italia, i Consorzi di bonifica gestiscono circa 200.000 chilometri di corsi d’acqua, i cui argini, dove percorribili in sicurezza, rappresentano anche una straordinaria opportunita’ ciclopedonale per la promozione del territorio.” “Si tratta di un eccellente lavoro, il cui valore sinergico e’ altissimo – conclude Riccardo Righi, Assessore all’Ambiente del Comune di Carpi – Mette in evidenza come la collaborazione virtuosa tra enti sia un vantaggio sia dal punto di vista ambientale che funzionale. L’area e’ diventata una delle mete preferite dai cittadini che, con la fine dell’emergenza sanitaria, ne riscoprono la frequentazione sociale”.

Agenzia DiRE  www.dire.it

Visite: 98

Potrebbero interessarti anche...