AGRICOLTURA. BELLANOVA: CAPORALATO È MAFIA.

Ministra Bellanova

(DIRE) Bari, 14 set. – “Dobbiamo qualificare sempre di piu il settore agricolo, cercando di farlo assimilare alla qualita’, al benessere, alla salute, alla tutela della salute, ma per fare questo abbiamo bisogno di applicare anche delle norme che contengano la repressione, come una parte della legge sul caporalato, ma dobbiamo anche applicare le norme sulla prevenzione, che sono quelle che meno sono state applicate”. Lo ha detto il ministro dele Politiche agricole Teresa Bellanova, da Bari dove partecipa alla cerimonia inaugurale della 83esima Fiera del Levante. “Dobbiamo mettere l’imprenditore nella condizione di non essere sotto ricatto del caporale- ha aggiunto- perche’ il caporale, che e’ mafia, diciamolo con chiarezza, il caporalato e’ criminalita’ organizzata, e’ sistema mafioso, e spesso il caporale ricatta il lavoratore, attraverso l’uso del mezzo di trasporto, e le imprese. Il mio impegno- ha proseguito il ministro Bellanova- e’ quello di mettere tutti i soggetti al lavoro, perche’ ci sia una piattaforma dove l’imprenditore deve andare stasera e trovare la mano d’opera disponibile che serve per domani mattina, perche’ questa e’ la particolarita’ del settore agricolo. I lavori negli altri settori si possono programmare, in agricoltura no”. “Dobbiamo dare agli imprenditori questi strumenti per rafforzare quelli che vogliono lavorare nella legalita, dobbiamo contrastare quelli che fanno ricorso al caporalato per risparmiare sui costi, dobbiamo dare strumenti strumenti a quelli che invece vogliono rispettare il lavoro e la qualita’ delle produzioni”, ha concluso il ministro dell’Agricoltura.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite totali:49

Potrebbero interessarti anche...