Aborto a domicilio ai tempi del Coronavirus. Giuseppe Provenzale (Forza Nuova): “Dopo la strage di anziani, c’è chi vuole scongiurare la possibilità che nasca qualche bambino in più”.

“Quando è la cultura di morte ad “animare” la propria vita non c’è epidemia che tenga. Ed è così che per Saviano, Boldrini
e compagnia cantante il diritto all’infanticidio nel grembo della madre diventa fondamentale, addirittura prioritario.
Vogliono evitare che in queste settimane di morte qualche vita possa salvarsi per sbaglio!”.
Giuseppe Provenzale, vicesegretario nazionale di Forza Nuova, commenta così la notizia di un appello, rilanciato anche da Saviano e Boldrini, sottoscritto da due associazioni di ginecologi che vorrebbero ovviare alla carenza di posti letto per gli aborti con la consegna a casa della famigerata pillola abortiva Ru 486.

“Aborto farmacologico a domicilio per la salute e i diritti delle donne, scrive chi viene definito “esperto” e che certo non rappresenta tutti i ginecologi italiani – conclude l’esponente di FN – ma la verità è un’altra: c’è chi non sopporta l’idea che la macchina della morte, almeno per i bambini, possa fermarsi, anche solo come provvidenziale corollario di questa fase in cui è già in atto una colpevole eutanasia di massa per i nostri anziani, e arriva a proporre addirittura la consegna di pillole di morte, non esenti da gravi rischi per le madri, a domicilio”.

Ufficio Stampa Forza Nuova

Via Giovanni Paisiello, 40 – 00198 Roma
mail: ufficiostampa@forzanuova.info

area stampa: Press Kit Forza Nuova

facebook: ForzaNuova

 

Visite totali:65
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche...