25 aprile, “Festa e Liberazione sono due parole bellissime”.

Maria Elisabetta Alberti Casellati Presidente del Senato, lo dice a Padova dove si trova per le celebrazioni della Liberazione.

PADOVA – “Quella di oggi è e deve essere, soprattutto, una Festa. La Festa della speranza, della civiltà. La Festa di tutti coloro che credono nei principi che sono alla base del nostro Stato di diritto, di tutti coloro che si riconoscono nella comunità internazionale e nei valori che ne ispirano l’operato. La Festa di chi ha creduto nella rinascita del nostro Paese e nell’Europa come fulcro di pace tra i popoli e di benessere sociale”. Maria Elisabetta Alberti Casellati Presidente del Senato, lo dice a Padova dove si trova per le celebrazioni della Liberazione.

“Festa e Liberazione dunque, due parole bellissime, che insieme assumono per tutti noi il valore insopprimibile della libertà, dei diritti umani, sociali, politici- dice Casellati- Una Festa che nel 1945 a Padova, così come in tutto il Veneto, fu sostanzialmente attesa più che in ogni altra parte del Paese. Ci fu infatti bisogno di attendere altre tragiche ed eroiche giornate per poter celebrare la fine dell’occupazione; un esito reso possibile grazie al sacrificio di migliaia di partigiani e alleati che costrinsero le ultime armate nazi-fasciste ad arrendersi siglando le rese incondizionate, concretizzandone finalmente il definitivo allontanamento”.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Visite totali:17
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche...