ELEZIONI: FARAONE: LETTA E CALENDA DIFENDANO CINGOLANI DA INSULTI BONELLI.

(DIRE) Roma, 7 ago. – “Bonelli dice oggi in un’intervista a Calenda ‘pigghiamunne u cafè’ . Lo stesso Bonelli,nella medesima intervista, ribadisce che comunque ognuno rimarrà sulle proprie posizioni riguardo alle politiche energetiche e definisce il ministro della Transizione ecologica del governo Draghi ‘un disastro’. Il giudizio di Bonelli su Cingolani, scienziato e manager, è inaccettabile per chi dice di voler sostenere l’agenda Draghi, a partire da Letta e Calenda. Ricordo infatti che Cingolani è il ministro che ha ridotto la dipendenza dal gas russo del nostro paese dal 45% al 20%, che è riuscito a mettere in piedi una strategia che ci renderà indipendenti da quel gas entro 24/36 mesi. È il ministro che ha saputo, in un periodo drammatico e di emergenza, coniugare le esigenze ambientali e quelle legate allo sviluppo economico senza stupide contrapposizioni ideologiche. Ha parlato di nucleare, non per dire ‘costruiamo qualche centrale’, ma per segnalare le ricerche in corso e la necessità che l’Italia non si autoescludesse. Ha parlato di gas, sottolineando che sotto i mari italiani ve ne sono grandi quantità e che sarebbe da stupidi non utilizzarlo, visto anche il minore impatto ambientale rispetto alla sua importazione. Ha sottolineato continuamente l’importanza delle rinnovabili e in pochi mesi sono state proprio da lui introdotte semplificazioni alle procedure autorizzative più che nei 30 anni precedenti. Ora, io capisco la difficoltà di chi si appresta a partecipare ad una coalizione che sembra ‘un nuovo Ulivo ma con la Xylella’, ‘una coalizione che proporrà di fare il nucleare nel maggioritario e le pale eoliche ed i pannelli fotovoltaici nel proporzionale’, però mi aspetto da qualcuno parole a difesa di Cingolani. Il silenzio sarebbe complice”. Così in un post su Facebook il presidente dei senatori di Italia Viva Davide Faraone.

Agenzia DiRE  www.dire.it

(lettori 171 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: