-PIL. ISTAT: IL NORD-OVEST TRAINA LA RIPRESA POST PANDEMIA.

SU OCCUPAZIONE MAGGIORE DINAMICITÀ MEZZOGIORNO (DIRE) Roma, 1 lug. – Nel 2021 la ripresa economica è stata più marcata nelle aree maggiormente colpite dalla crisi del 2020. A fronte di una media nazionale del +6,6%, il Prodotto interno lordo è cresciuto in volume del 7,4% nel Nord-ovest e del 7% nel Nord-est. Lo rileva l’Istat nel rapporto sulla ‘Stima preliminare del pil e dell’occupazione territoriale – Anno 2021’. A trainare la ripresa nelle ripartizioni del Nord è stata l’Industria in senso stretto (+12,8% al Nord-ovest e +13,1% al Nord-est) e le Costruzioni, che hanno segnato una crescita del 22,8% al Nord-ovest. L’aumento del Pil è stato meno accentuato della media al Centro (+6%) e al Sud (+5,8%), nonostante in quest’ultima area si sia registrata la performance migliore delle Costruzioni (+25,9%) e dell’Agricoltura (+3,6%). Il recupero dell’occupazione, al contrario, è stato caratterizzato da una maggiore dinamicità del Mezzogiorno rispetto al resto del Paese dove gli occupati sono cresciuti dell’1,3%, a fronte del +0,5% nel Nord-ovest, +0,2% nel Nord-est e +0,3% al Centro.

(lettori 163 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: