Paralimpiadi, storica tripletta azzurra nei 100 metri femminili: Sabatini oro, sul podio Caironi e Contrafatto.

di Mirko Gabriele Narducci

Ambra Sabatini ottiene medaglia d’oro e record del mondo con 14.11, Martina Caironi la medaglia d’argento e Monica Contrafatto la medaglia di bronzo.

ROMA – L’Italia scrive la storia con una tripletta leggendaria nella finale nei 100m T63 femminili ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020. All’Olympic Stadium, infatti,. Ambra Sabatini ottiene medaglia d’oro e record del mondo con 14.11, Martina Caironi la medaglia d’argento e Monica Contrafatto la medaglia di bronzo.

SABATINI: MEDAGLIA È RISCATTO DA INCIDENTE, ORA MI SENTO COMPLETA

“Mi sembra incredibile, ancora non ci posso credere. Era un sogno che avevamo da sempre, eravamo un duo che è diventato un trio e siamo riuscite a farcela“. Lo ha detto Ambra Sabatini, medaglia d’oro nei 100m T63 ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020, al termine della finale all’Olympic Stadium conclusasi con la tripletta azzurra.

Al termine della gara è esplosa in un pianto liberatorio: “Perché desideravo troppo la medaglia, rappresenta il riscatto di questi due anni dall’incidente e finalmente mi sento completa“, ha aggiunto. “È stata una gara combattuta fino all’ultimo e siamo state tutte bravissime”, ha raccontato Sabatini. Che ha segnato due record del mondo in un giorno: “È stata tanta roba, volevo riprendermi il record dopo la semifinale e ci sono riuscita, ma il vero obiettivo era l’oro e sono soddisfattissima per questa medaglia”.

CAIRONI: COSÌ SUPERIAMO DISABILITÀ, IL ‘TRIO MEDUSA’ È ARRIVATO

“È stata una gara molto intensa, non sono partita al massimo ma Ambra è andata come un razzo, mi ha battuta e mi ha battuta bene: lo accetto. Ho fatto nella stessa giornata i miei due tempi migliori di sempre e sono soddisfatta: il ‘trio medusa’ è arrivato”. Lo ha detto Martina Caironi, medaglia d’argento nei 100m T63 ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020, nella zona mista dell’Olympic Stadium al termine della finale conclusasi con una storica tripletta azzurra.

Ci unisce la voglia di superarci e di tirare fuori qualcosa di più dalla condizione di disabilità che abbiamo. Non solo abbiamo superato la nostra condizione di svantaggio, ma ne stiamo facendo qualcosa di grande- ha spiegato Caironi- Io mi sono ispirata molto a come vedo muoversi Ambra che viene da pochissimo dall’atletica normo e ha movimenti perfetti, ma anche a Monica e non gliel’ho mai detto prima: io mi lamento di avere 32 anni, ma cominciare dopo quello che le è successo e non avere più 20 anni è straordinario”.

CONTRAFATTO: DEDICATO ALL’AFGHANISTAN, ORA HO VITA FIGHISSIMA

La dedico all’Afghanistan, è il motivo per il quale alla fine mi trovo qui e non da un’altra parte. È il Paese che mi ha tolto una parte di me ma in realtà mi ha regalato tante emozioni e una nuova vita, che è fighissima”. Lo ha detto Monica Contrafatto, medaglia di bronzo nei 100m T63 ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020, al termine della finale conclusasi con la tripletta azzurra. “Il nostro sogno era quello si salire sul podio in tre, e ci siamo riuscite”, ha concluso Contrafatto.

Agenzia DiRE  www.dire.it

(lettori 200 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: