SANITA’. CGIL FVG: NOI ESCLUSI DA TAVOLO SU RISORSE AGGIUNTIVE.

OLIVO: INACCETTABILE, RICCARDI SI DEVE RELAZIONARE CON TUTTI (DIRE) Trieste, 27 lug. – “Grazie alla nostra mobilitazione in solitaria, adesso dallo stallo siamo usciti e c’è un’aggiunta di 5 milioni di euro da dare al personale. Certo c’è un gravissimo problema di comportamento antisindacale di questa assessore, perché lui non ha nemmeno convocato la Cgil, temendo che noi potessimo dire di no, e invece noi prima avremmo dovuto vedere il testo. Quindi ha convocato solamente due sigle su tre”. E’ questo il punto della mobilitazione di questa mattina della Funzione pubblica della Cgil davanti al Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia a Trieste, spiega la segretaria regionale Orietta Olivo. Mobilitazione annunciata per lo sblocco della trattativa sulle risorse aggiuntive regionali (Rar) per il comparto della sanità, sbloccate ieri convocando un incontro solo con Cisl e Uil. “E’ un comportamento inaccettabile perché lui, mi dispiace, ma deve relazionarsi con tutti”, evidenzia Olivo chiamando in causa il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. E continua: “Il presidente Fedriga, come sappiamo, adesso è presidente della Conferenza delle Regioni. In quella sede ha incontrato le categorie Fp (Funzione pubblica) di Cigl, Cisl e Uil, e ha dichiarato di voler avere delle buone relazioni sindacali, dei rapporti continui, anche chiamando in anticipo sulle decisioni. Siccome non ho motivo di pensare che il presidente dica cose diverse quando fa il presidente della Conferenza da quando fa il presidente della Regione- conclude la sindacalista- e poiché lui è presidente anche nostro che protestiamo oggi”.

Agenzia DiRE  www.dire.it

(lettori 13 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: