Commercio. 50 ristoratori sotto Regione Lombardia: ‘siamo stremati’ Tasse, licenze, abusivismo: dito puntato anche su autogrill e delivery.

Milano – “Siamo stanchi e stremati”. Lo ripetono quasi come un mantra i ristoratori lombardi, circa una cinquantina, riunitisi questa mattina per protesta sotto la Regione Lombardia. Si rivolgono al governatore Attilio Fontana, ma non solo, anche ai sindaci delle citta’ e al nuovo premier Mario Draghi, ecco le testimonianze raccolte dalla Dire: “Siamo al terzo mese del 2021 e mancano ancora I ristori del 2020- spiega Alfredo Zini, storico ristoratore milanese- vogliamo sapere come richiederli, visto che ci sara’ una piattaforma nuova. Questa cosa ci preoccupa”. Non solo sostegni economici ma anche riforme strutturali, “come una moratoria della legge Bersani sulle prossime aperture”, spiega Zini, e intensificando magari “i controlli sul territorio, visto che stiamo assistendo a un crescente abusivismo di Stato”.

In troppi, per il ristoratore “entrano sul mercato senza rispettare le regole, mettendo in difficolta’ tutto il mondo dei pubblici esercizi”. Servono dunque “piu’ sanzioni”, e dato che “cinque giorni di chiusura non bastano”, tutti quanti “si devono far carico delle proprie responsabilita’ nel far rispettare le regole”.

 

Molti dei manifestanti arrivano non solo da Milano, ma da varie parti della Regione. Come Stefano Neri e il suo socio Nicola Ostinelli, proprietari del ristorante ‘Il diavolo e l’acqua santa’ di Como: “Facciamo parte delle oltre 3.000 aziende italiane ‘esodate’- spiega Neri- dopo 23 anni di attivita’ abbiamo deciso di ristrutturare il locale tra marzo e agosto 2019. E cosi’, avendo fatturato zero incassi, non sono arrivati ristori. A un anno dal lockdown non ci hanno dato niente. E le tasse le continuiamo a pagare”.

C’e’ anche chi punta il dito contro il settore del delivery, come Eranda Feka, gestore del ristorante ‘Borsieri’ nel quartiere milanese di Isola: “Ci portano via il 35% degli incassi- attacca- cosi’ nemmeno fare l’asporto ci conviene”. Tornando alle tasse, “nel 2019 siamo stati chiusi per cinque mesi, e in altri due abbiamo lavorato per meta’ giornata. Ci hanno ridotto la Tari solamente del 10%. Io che mediamente pagavo circa 2.400 euro quest’anno ho sborsato 2.100 euro, e non e’ giusto visto che ho prodotto la meta’ dei rifiuti”. Per non parlare poi delle spese da sostenere per i trasporti: “Ho bollette mensili da 1.000 al mese con un ristorante piccolo, di 100 mq. Figuriamoci chi ne ha uno piu’ grande”, conclude la ristoratrice. Tipo la sua collega Giovanna, alla quale sono arrivati “quasi 9.000 euro di Tari”.

 

Stamattina in piazza Citta’ di Lombardia, molte persone venivano dalla Brianza, come Salvatore Bongiovanni, titolare dello Shaker Club Cafe’ di Seregno: “Ho perso il 65% del fatturato nel 2020, e di aiuti e’ arrivato poco e niente- dice- siamo trattati come interruttori, con un ‘apri e chiudi’ costante”. Una schizofrenia nelle decisioni “che fa male a livello economico ma anche psicologico”. Non ce la fa piu’ nemmeno un altro suo collega brianzolo, Emiliano Gallina, che gestisce nel paese di Ceriano Laghetto il suo ‘Alter Ego Bistrot’: “Questa e’ una storia molto triste- confessa- nell’ultimo anno ho lavorato solo cinque mesi, gli altri otto li ho passati a casa a leccarmi le ferite, obbligato a non lavorare”.

La tassazione, “nonostante viviamo in un piccolo comune”, e’ comunque “molto elevata”, ma le problematiche maggiori “leabbiamo nei costi che abbiamo per mantenere il locale, dalle attivita’ agli affitti fino alle utenze e alle forniture che abbiamo richiesto per poter lavorare senza sapere che poi ci avrebbero chiuso di nuovo dalla sera alla mattina”. E c’e’ chi non riesce a capire come alcuni locali possano restare con la serranda abbassata, mentre altri no: “Gli autogrill ad esempio, perche’ sono aperti?”, si chiede un ristoratore di Monza.

(lettori 193 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: